Sei in Archivio bozze

SERIE B

Primi test per il Parma

17 luglio 2017, 07:02

Paolo Grossi

Le 8 di mattina: suona presto oggi la diana dei crociati che si radunano a Collecchio per sostenere i test preparatori al ritiro. Oggi e domani sono le giornate dedicate agli accertamenti clinici: prelievi sanguigni al centro sportivo di Collecchio a cura della clinica Dalla Rosa Prati, esami di idoneità al poliambulatorio Gemini, altri esami radiografici allo studio Pasta e infine la truppa, divisa in due gruppi, si sposterà a Olgiate Olona, nel varesotto, al centro Ricerche Mapei, dove nei giorni scorsi ha svolto analoghi test il Sassuolo.

Approccio scientifico

Si tratta, ha spiegato sul sito della Mapei il responsabile del laboratorio Ermanno Rampanini, di una «batteria di test appositamente studiata per monitorare le qualità fisiologiche più importanti per il calcio. Dopo la determinazione della percentuale di grasso corporeo tramite l'utilizzo della plicometria, viene effettuato il test Mognoni per verificare la funzionalità del meccanismo aerobico oltre all'High-intensity Intermittent Test (HIT) valutazione utile per verificare la capacità dei giocatori di sostenere un lavoro intermittente ad alta intensità (caratteristica fondamentale per i calciatori) dal punto di vista metabolico. Inoltre, viene misurata la forza e la potenza degli arti inferiori tramite test di salto effettuato su una pedana dinamometrica ed infine è stata quantificata la capacità dei giocatori di sopportare muscolarmente un esercizio di cambi di direzione intensi e ripetuti tramite la determinazione della funzionalità neuromuscolare periferica delle gambe. Le stesse valutazioni verranno ripetute più volte nell'anno per monitorare costantemente la condizione atletica dei giocatori nel corso della stagione agonistica».

Insomma, la società non lascerà nulla di intentato a livello organizzativo per mettere tecnico e giocatori nelle condizioni di esprimere il massimo delle loro potenzialità. A Pinzolo, sede del ritiro gialloblù sino al 3 agosto, ci si avvarrà anche della consulenza del nutrizionista palermitano Tindaro Bongiovanni, che aveva preso in carico gli aspetti alimentari della preparazione già poche settimane dopo l'insediamento di Faggiano come diesse. La partenza per Pinzolo avverrà mercoledì e quindi il primo allenamento stagionale è previsto in montagna cosicché i tifosi che vorranno salutare i loro beniamini prima di agosto non potranno che salire in Trentino. Magari già domenica 23 quando ci sarà il primo galoppo amichevole.

Le date

Ecco gli eventi programmati in questo periodo:

23 luglio:

amichevole Parma-Pieve di Bono

26 luglio:

amichevole Parma-Settaurense

30 luglio:

amichevole Parma-Dro

?3 agosto: ritorno a Parme a compilazione del calendario del campionato da parte della Lega di serie B,

6 agosto: prima partita ufficiale dei crociati che saranno impegnati nel secondo turno di Coppa Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal
 

SALUTE

Alito pesante? Non è solo questione d'igiene

Spazzolino, filo interdentale, colluttori devono essere un rito fin da piccoli Ma spesso l'alitosi è sintomo di malattie che vanno indagate: gola, reni,  fegato, polmoni, come affrontare il problema