Sei in Archivio bozze

CONCORSO

Miss Italia non torna a Salso, occasione persa?

18 luglio 2017, 07:00

Miss Italia non torna a Salso, occasione persa?

Manca solo l'ufficialità ma è ormai certo che è definitivamente tramontata l'ipotesi di riportare a Salsomaggiore Miss Italia. Lo si era già capito quando le richieste di 7500 gratuità da parte di Miren avevano messo in difficoltà gli operatori alberghieri della città termale, a maggior ragione oggi la città termale ed il concorso sono ancora più lontani dopo la riconferma a primo cittadino di Jesolo di Valerio Zoggia, sostenitore di Miss Italia, che alla «Gazzetta» ha sottolineato come vi siano già stati contatti con Miren per far rimanere il concorso a Jesolo.

Il nodo della questione è ruotato sostanzialmente sulla richiesta di 7500 gratuità da parte di Miren, richiesta che, da un lato, per gli albergatori è giunta troppo tardi dal momento che le prenotazioni per il periodo preso in considerazione, tra agosto e settembre, è considerato di alta stagione e dunque per la maggior parte assegnato ai curandi termali, dall'altro la disponibilità di camere è stata inficiata dalla chiusura di strutture come il Porro, il Valentini, il City Hotel ed il Primarosa.

Gli albergatori

«Non sussistevano le condizioni economiche e temporali per accettare le richieste di Miren, tanto più che noi siamo stati coinvolti soltanto a trattative avviate – afferma Antonella Passera, presidente dell'associazione albergatori Adast –. La cifra a carico degli albergatori per le ospitalità sarebbe stata attorno ai 450 mila euro, troppo elevata. Inoltre, le finali si svolgono in un periodo dove le prenotazioni dei curandi termali occupano gran parte delle camere».

Francesco Ravasini, presidente dell'associazione albergatori di Tabiano Asat, afferma come «i problemi da affrontare sono altri ed ogni giorno che passa diventa sempre più tardi per risolverli. Nessuno si fa carico delle problematiche degli albergatori di Tabiano che non ce la fanno più. Spero che non se ne parli neanche il prossimo anno di Miss Italia».

I commercianti

C'è anche chi, in particolare nelle categorie dei commercianti, parla di occasione mancata. «Mi sono adoperato per creare un progetto speciale per Miss Italia ma poi tutto è sfumato per la questione delle gratuità e degli alberghi chiusi – afferma il presidente del collegio dei provibiri di Confesercenti, Corrado Testa –. Ho poi parlato con i delegati di Miren affinché venissero incontro alle richieste degli albergatori ma non c'è stato nulla da fare. Le richieste di Miren sono arrivate tardi e non c'era più possibilità di discutere. E' un peccato perdere il concorso. Ad agosto e settembre avremo comunque altre manifestazioni».

Per Giorgio Vernazza, presidente di Fismo Confesercenti, «il concorso rappresenta un trampolino di lancio nella moda per le partecipanti e Salsomaggiore si è lasciata scappare un'occasione importante con condizioni favorevoli. Si poteva trovare una soluzione per le gratuità. La clientela della città respirava già l'atmosfera del concorso. Mi auguro che la prossima amministrazione, visto che ci saranno le elezioni amministrative la prossima primavera, possa pensare di riportare qui la manifestazione perché è la sede naturale. Ne trarremmo tutti dei vantaggi. Il format si può modernizzare».

Di opportunità persa parla anche il presidente di Ascom, Luciano Marzolini. «Il concorso poteva rappresentare una possibilità ulteriore per pubblicizzare le nostre acque più che il concorso in sé e dunque un'opportunità in più di visibilità per il nostro territorio».

«Era l'occasione propizia per vedere più gente in giro e secondo me una soluzione si sarebbe potuta trovare anche quest'anno – conclude Nello Bocelli, fotografo per 40 anni del concorso – Si vede che è mancata la volontà. Il Porro ed il Valentini si sarebbero potuti riaprire quest'anno e magari riparlarne per il prossimo. Vedremo quanti turisti ci saranno nel periodo in cui si sarebbe dovuta svolgere la manifestazione. Miss Italia rappresenta anche una grande pubblicità per il territorio». M.L.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal
 

SALUTE

Alito pesante? Non è solo questione d'igiene

Spazzolino, filo interdentale, colluttori devono essere un rito fin da piccoli Ma spesso l'alitosi è sintomo di malattie che vanno indagate: gola, reni,  fegato, polmoni, come affrontare il problema