Sei in Archivio bozze

Varano

Salgono a 20 i ragazzi intossicati

23 luglio 2017, 07:00

Salgono a 20 i ragazzi intossicati

Chiara De Carli

Hanno stretto i denti e continuato a lavorare, nonostante l’intossicazione alimentare che, dopo la festa al camping di giovedì sera, li ha mandati uno alla volta «ko» ma gli studenti dell’Università di Malta hanno portato a casa un primo prestigioso risultato al «Formula SAE Italy & Formula Electric Italy 2017» che si sta svolgendo da mercoledì scorso all’autodromo Paletti di Varano.

Nonostante le difficoltà dovute ai malesseri che hanno colpito una ventina di componenti del team, costringendoli a ricorrere alle cure dei medici e a rimanere a riposo per agevolare la ripresa, la presentazione di venerdì pomeriggio deve avere convinto particolarmente la giuria tecnica tanto da consentire loro il secondo piazzamento nella classe 1C nella categoria «Cost Event», dietro all’Università di Brescia, e il 20mo posto nella classifica Design. Ed è stato proprio venerdì, durante le prove statiche e dinamiche in pista e le finali di Business Development e Design, che i ragazzi hanno iniziato ad avvertire i primi sintomi dell’intossicazione con forti dolori addominali, dissenteria e vomito ma, nonostante tutto, hanno continuato a lavorare per non perdere l’opportunità offerta dall’evento di Varano che potrebbe aprire, per qualcuno di loro, un futuro in prestigiose aziende del settore automotive. Ieri «l’onda lunga» dell’intossicazione, dovuta con tutta probabilità a della carne non correttamente cucinata durante la piccola festa organizzata giovedì sera nel loro spazio al campeggio esterno all’autodromo, dove sono installati i campi base degli 81 team universitari in gara, non era ancora terminata ma molti si stanno già completamente ristabilendo e riusciranno con tutta probabilità a partecipare alla festa di premiazione in programma per questa sera. «Non si è ancora capito cosa sia esattamente successo ma sembra chiaro che più che quello che hanno mangiato il problema sia stato il metodo di preparazione, altrimenti il problema sarebbe stato più diffuso – ha commentato Alessandro Meggi, direttore dell’autodromo Paletti di Varano, che in questi due giorni è rimasto sempre aggiornato sulle condizioni dei ragazzi -. Il primo ad accorgersi che qualcosa non andava è stato il medico dell’autodromo, intervenuto nel box in cui lavoravano gli studenti di Malta e da quel momento abbiamo monitorato con attenzione la situazione. Non siamo mai stati preoccupati per un possibile aggravamento della situazione, ma dispiaciuti sì, perché dopo tanto impegno la loro partecipazione attiva alle fasi finali della gara era a rischio. Speriamo di averli tutti qua questa sera». Dopo la giornata di ieri, che ha visto in azione le squadre impegnate nei Brake Test, Autocross e l’Acceleration Show, con in azione la Ferrari 126 C4 del 1984 di Michele Alboreto, oggi andrà in scena il momento più interessante dell’evento: l’Endurance, al via già dalle 8,30. Sempre per oggi è atteso anche l’arrivo in autodromo di Giancarlo Minardi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal