Sei in Archivio bozze

Collecchio

Forza il cancello, beccato dalle telecamere

Ripreso in pieno giorno: è lui il ladro delle ville?

04 settembre 2017, 07:02

Forza il cancello, beccato dalle telecamere

COLLECCHIO

Gian Carlo Zanacca

Un giovane si è intrufolato nel giardino di una villa di Collecchio, il sistema di videosorveglianza lo ha ripreso e lui è stato fermato dai carabinieri. Lo sconosciuto, sulla cui identità non è stato rivelato alcun dettaglio, si era introdotto nel giardino, dopo aver forzato il cancello. Il fatto che fosse pieno giorno (e quindi piena luce e piena attività da parte delle persone) non lo ha per nulla frenato.

Ma il sistema di occhi elettronici messo dai proprietari a guardia della casa lo ha ripreso. Quanto si dice prevenzione. La «diretta» che ha fatto scattare la chiamata al 112. I carabinieri sono intervenuti nel giro di pochi minuti. Il giovane era ancora lì: così è stato fermato il giovane e identificato.

E' alta l’attenzione al tema sicurezza nel comune pedemontano, dopo il furto in una villetta in via Rosselli, nei giorni scorsi, durante il quale sono stati sottratti oro e gioielli per alcune migliaia di euro. Dopo questo raid, il caso quasi incredibile per una realtà come Collecchio, di un uomo che è stato rapinato all’alba qualche giorno fa lungo la strada provinciale di Sala, nella zona dell’EgoVillage.

I furti, riusciti o solo tentati, oltre alla rapina messa a segno nei giorni scorsi stanno creando ansia e sgomento nella gente. «Sono molto preoccupata – spiega una pensionata – anche il mio appartamento è stato visitato dai ladri in passato e vivo nella paura. Ho fatto montare delle inferriate, ma dopo che hai subito un furto non ti senti più sicura. Ogni rumore di notte diventa fonte di preoccupazione e di disagio».

Il tema sicurezza è stato al centro dell’ultima seduta del consiglio comunale nella quale il sindaco Paolo Bianchi si è impegnato a chiedere un potenziamento del numero di carabinieri presenti sul territorio, dell'organico della polizia municipale e al potenziamento del sistema di videosorveglianza.

Francesco Fedele, del gruppo di minoranza di «Liberi e uniti per Collecchio» ha chiesto che il Comune costruisca una nuova caserma dei carabinieri, più grande e funzionale. Lo scorso anno l’Unione Pedemontana parmense ha investito 400mila euro installando un sistema di videosorveglianza sulle strade principale di accesso e uscita dei cinque comuni che ne fanno parte per segnalare, in tempo reale, auto rubate, mezzi sottoposti a fermo amministrativo e senza copertura assicurativa.

Secondo i membri del gruppo di minoranza di «Liberi e uniti per Collecchio» e anche secondo molti collecchiesi tutto questo non basta. «Penso – spiega una donna che vive nel centro di Collecchio – che accanto ai sistemi, come le telecamere, sia importante che il territorio venga presidiato delle forze dell’ordine». Sabrina Bertilli, referente del gruppo Facebook di Sos Collecchio e di quello su Whatsapp, chiede che il Comune acceleri le procedure per arrivare alla costituzione ufficiale dei gruppi di controllo di vicinato. Si tratta di gruppi di cittadini volontari che si impegnano a controllare il territorio e a segnalare tempestivamente alle forze dell’ordine persone e mezzi sospetti. Secondo Sabrina Bertilli si tratterebbe di un importante passo per fare in modo che anche i cittadini possano sentirsi parte attiva nel controllo del territorio e nel contrasto alla criminalità.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal