Sei in Archivio bozze

CINEMA

Moschin-don Camillo con accento bolognese

06 settembre 2017, 07:00

Moschin-don Camillo con accento bolognese

Egidio Bandini

«Gio’ ributtò con disprezzo le riviste nel mucchio. “Capisce lui? Nessuna novità. Stanno cincischiando le solite cose. […] La celebrità è tutto nella vita. Comunque io non so cosa leggere stasera.” Andai nel mio studio e tornai con un libro: “Prova questo”. “Un libro!” esclamò stupita. “È da quando ho finito la quinta che non apro un libro!” “È normale” la rassicurai. “Succede all’85 per cento degli italiani.” La mattina dopo trovai Gio’ con gli occhi rossi. “Ho letto fino alle tre di notte” spiegò. “Questi Tre Moschettieri sono una cannonata. Lui ci pensa vederlo alla TV con Little Tony nella parte di d’Artagnan, Alberto Lupo nella parte di Aramis, Fausto Leali nella parte di Athos, Gastone Moschin nella parte di Porthos e la Carmen Villani nella parte di Milady? Ci pensa?” […]

Giovannino Guareschi, in uno dei suoi ultimi articoli della rubrica “Corrierino delle famiglie”, su “Oggi” del 25 aprile 1968, nel descrivere l’entusiasmo di Giò la colf, per i divi del cinema e della canzone, cita proprio Gastone Moschin, il grande attore italiano che, di lì ad appena 4 anni, avrebbe interpretato l’ultimo film della saga di “Mondo piccolo”: “Don Camillo e i giovani d’oggi”, interamente girato a San Secondo Parmense, per evidente mancanza di fondi. Interrotto, infatti, forzosamente nel 1971 il primo tentativo, con Fernandel (che si ammalò gravemente durante le riprese) e Gino Cervi, per la regia di Christian Jacques e con il titolo francesizzante “Don Camillo et les contestataires”, il lungometraggio veniva ripreso dalla produzione l’anno successivo: con Gastone Moschin nei panni del pretone e Lionel Stander in quelli del grosso sindaco della Bassa, per la regia di Mario Camerini. Si riprende a girare, stavolta a San Secondo, nel cuore della Bassa parmense, dove Guareschi avrebbe voluto fosse ambientato già il primo “Don Camillo” e dunque, pur se postuma, arriva anche per Giovannino la “nemesi geografica” evocata da Peppone.

Mentre, però, l’attore inglese fatica parecchio a sostituire Gino Cervi, Gastone Moschin, nei panni di don Camillo risulta essere molto più convincente: ha le physique du rôle, la voce e l’atteggiamento giusti per impersonare il pretone guareschiano. Unico neo, ben poco gradito ai parmigiani, lo spiccato accento bolognese/romagnolo con cui si esprime, assai meno confacente dell'accento del grande Carlo Romano che doppiava Fernandel.

Il successo del film, così, non è quello che ci si aspettava: evidentemente il paragone con Fernandel e Gino Cervi era, ma lo sarebbe anche oggi, impietoso per chiunque, tanto che lo sarà, in modo ancor più evidente, per Terence Hill, interprete di uno sfortunatissimo sequel, troppo lontano dallo spirito di Mondo piccolo.

Va da sé che tutti, oggi, ricordino il Gastone Moschin cinematografico per la parte dell’architetto Melandri in “Amici miei”, ovvero una delle sue pellicole più fortunate, ma i panni di don Camillo calzavano a pennello all’attore veronese, al punto che, nella non recente collezione francese dei Dvd doncamilliani, la casa di produzione ha deciso di inserire anche il “Don Camillo” di Moschin: un bel riconoscimento, non c’è che dire.

Un’ultima notazione: nel film di Camerini, datato 1972, oltre agli attori cambiò anche la colonna sonora ed entrarono, visto l’argomento, di prepotenza quelle che Guareschi chiamava “canzonette”, criticate ad oltranza nelle rubriche televisive che Giovannino teneva proprio su “Oggi” e che, ben difficilmente, avrebbero spazio nel “Mondo piccolo” letterario, dove funzionano molto meglio le musiche da ballo dei Cantoni e le immortali melodie verdiane, ma c’è una scena, nel film con Gastone Moschin nei panni di don Camillo, davvero suggestiva e degna del “Mondo piccolo” letterario, anche se non scritta da Guareschi: mentre il pretone e il sindaco tornano a casa camminando sull’argine, si sente fischiettare il motivetto “beat” suonato dai capelloni al matrimonio di Cat con Veleno. Don Camillo accusa Peppone di essere lui a fischiare, mentre a farlo è il Cristo della cappelletta sull’argine. Il Cristo di don Camillo…

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal