Sei in Archivio bozze

Fidenza

Rivoluzione in San Francesco: in partenza 4 frati

08 settembre 2017, 07:00

Rivoluzione in San Francesco: in partenza 4 frati

Anna Orzi

Tempo di avvicendamenti nella comunità locale dei frati cappuccini che gestisce la parrocchia di San Francesco (4mila anime) con la partenza di ben quattro dei suoi cinque membri, secondo le decisioni del nuovo Capitolo provinciale dell'aprile scorso, presieduto da padre Lorenzo Motti che ha provveduto alla riorganizzazione delle varie fraternità.

Partono per nuove destinazioni il parroco padre Alfredo Rava, dopo nove anni di intenso impegno pastorale (andrà a Vignola), il guardiano e vicario parrocchiale padre Davide Bruzzi (a Scandiano), padre Mario Giuseppe Placci, vicario (a Sant'Arcangelo di Romagna) e padre Luciano Pallini (a Reggio Emilia). Sono in arrivo il nuovo parroco e vicario, padre Stefano Maria Cavazzoni, 46 anni, padre Alberto Scaramuzza, 48 anni, guardiano e vicario parrocchiale, padre Davide Borghi, 46 anni, economo e servizi pastorali, padre Josè Julian (Giuliano) Giraldo Trujillo, 56 anni, colombiano, collaboratore parrocchiale. Resta a Fidenza padre Francesco Bocchi, il più anziano, e così la nuova fraternità sarà formata come in precedenza da cinque membri. Mentre la partenza di padre Alfredo era prevista, data la naturale scadenza del suo mandato, per quanto riguarda padre Davide Bruzzi si è trattato, per i parrocchiani, di un fulmine a ciel sereno.

Una notizia accolta con vivo dispiacere specie dai giovani tra i quali padre Davide, 47 anni, si è impegnato generosamente con grande entusiasmo, affiancando il parroco, conquistandosi la loro fiducia e il loro affetto. E tutti hanno sperato che restasse. Padre Davide ammette che anche per lui non è facile interrompere i rapporti consolidati nei quasi sei anni di permanenza nella nostra città dove è arrivato fresco di ordinazione diaconale e dove nel dicembre del 2012 è stato ordinato sacerdote dal vescovo Carlo Mazza.

Che cosa si porta nel cuore degli anni trascorsi nella nostra comunità?

«Qui ho iniziato il mio ministero sacerdotale e ringrazio la gente per la pazienza che ha avuto con me mentre muovevo i primi passi... e per l'affetto che ha verso noi frati, e poi i giovani che lascio con rammarico nella consapevolezza però che la fraternità rimarrà nonostante la carenza di nuove forze che affligge ormai molti ordini religiosi. Sono stato fortunato ad avere padre Alfredo accanto a me, un confratello così pieno di idee e di entusiasmo, infaticabile organizzatore che ha saputo rendere più viva la parrocchia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal