Archivio bozze

Langhirano

I ragazzi del Gadda ricordano i giusti fra le nazioni

29 ottobre 2017, 05:00

I ragazzi del Gadda ricordano i giusti fra le nazioni

Gli studenti di Langhirano sono stati protagonisti della “corsa per la libertà” organizzata dall'istituto Gadda. Insieme agli allievi della sede di Fornovo, hanno ricordato Pellegrino Riccardi e Gino Bartali, giusti fra le nazioni, che misero a repentaglio la propria vita per salvare ebrei perseguitati. E hanno partecipato alla corsa, a piedi e in bici, da Marzolara fino alla loro scuola, coinvolgendo nella corsa anche gli studenti più piccoli, delle scuole medie di Lesignano e di Felino, per far scoprire l'istituto superiore langhiranese e il suo impegno per la memoria. L‘idea di fare orientamento all'aria aperta è venuta ad alcuni professori storici e ad alcuni studenti amanti delle iniziative sportive sul territorio. «Perché non facciamo conoscere il nostro istituto con una escursione nelle nostre colline? - racconta il professore di educazione fisica Andrea Carli - Così l'invito a due classi delle medie di Langhirano, due di Lesignano e due di Felino, che hanno aderito con entusiasmo alla camminata trekking effettuata su strade, alcune sterrate altre asfaltate, da Marzolara, passando per la CaNova, Tordenaso, Strognano, Mattaleto per arrivare dopo 14 km sfiniti, ma contenti, in quel di Langhirano». Oltre a Carli, il professor Ussia (che ha realizzato anche numerose foto) e la professoressa Dall'Olio hanno guidato 150 studenti, di cui 20 in bicicletta, sulle colline. «Il punto ristoro è stato offerto da Conad e dalla ditta Re Sergio e figli, vicino alla chiesa di Tordenaso. Alcuni alunni hanno anche voluto allungare il passo per mostrare un sano agonismo, che non guasta mai, - spiega il docente del Gadda - così Rosario e Salim del Gadda, Aiub di Lesignano, Alessia e Isotta di Langhirano, Andrea e Giulia di Felino, Alice l'unica donna in bici oltre Valerio e Kevin, sono arrivati davanti al resto della comitiva e saranno segnalati alle società sportive locali o di Parma, chissà che da una camminata per conoscere la nostra storia non venga fuori qualche atleta». e.g.

© RIPRODUZIONE RISERVATA