Sei in Archivio bozze

IMPRESE

Antares Vision investe a Sorbolo

03 gennaio 2018, 06:00

Antares Vision investe a Sorbolo

Cristian Calestani

Saranno realizzate nel quartiere industriale di Bogolese di Sorbolo le macchine di ispezione dei prodotti farmaceutici dell'Antares Vision, azienda bresciana con sede principale a Travagliato che sta investendo nel nostro territorio, e che nel nuovo stabilimento sorbolese assumerà una cinquantina di persone nel giro di un paio d'anni. Antares Vision – fondata nel 2007 da Emidio Zorzella e Massimo Bonardi, come evoluzione di uno spin off nato al Politecnico di Milano – ha scelto il nuovo stabilimento in allestimento a Bogolese per festeggiare insieme a tutti i collaboratori - sono complessivamente 400 - un'annata, quella del 2017, che si è chiusa con un fatturato di 100 milioni in crescita del 50% rispetto al 2016.

«A Bogolese – hanno spiegato i due imprenditori, entrambi bresciani ed amici sin dai tempi dell'università – realizzeremo le macchine di ispezione dei prodotti farmaceutici che poi consegneremo ai nostri clienti in tutto il mondo affinché possano compiere i necessari accertamenti sui loro prodotti: dalle fiale ai flaconcini, dalle compresse alle capsule». I primi contatti tra Antares Vision e Parma risalgono a quattro anni fa, quando l'azienda bresciana iniziò una collaborazione con la Pharmamech di Collecchio, realtà poi acquisita dal gruppo bresciano e in quel momento guidata da Germano Storci, imprenditore collecchiese scomparso lo scorso anno. «L'incontro con Germano – hanno sottolineato Zorzella e Bonardi – fu fondamentale per il nostro sviluppo a Parma. Oggi sarebbe orgoglioso di quello che stiamo realizzando visto che stiamo dando continuità a ciò che lui aveva in mente per la sua azienda. Abbiamo pensato di intitolare proprio a lui questo nostro nuovo stabilimento di Bogolese».

Antares Vision ha mosso i primi passi nel 2007 sulla base dell'esperienza maturata nell'ambito di una spin off universitaria che si era concentrata sulle prototipazioni e applicazioni in ambito industriale dell'optoelettronica che sfrutta i vantaggi delle telecamere intelligenti e dell'elaborazione dell'immagine. Nel tempo l'azienda bresciana si è specializzata soprattutto nel settore farmaceutico. «La prima grande crescita – spiegano Zorzella e Bonardi - è avvenuta nel mercato turco, dove una normativa prevede di identificare univocamente tutte le confezioni dei farmaci per garantire tracciabilità anche nel settore farmaceutico. Un processo che diverrà legge in Europa nel febbraio 2019. Oggi forniamo cinque delle dieci aziende top al mondo del settore nell'ambito della tracciabilità del farmaco». Le prospettive sono rosee: «Nel 2018 partiamo con un portafoglio ordini superiore agli 80 milioni. Guardiamo al nuovo anno con fiducia e con la certezza che sarà un altro momento di crescita con l'apertura di nuovi stabilimenti in Irlanda ed in India. I nostri macchinari permettono di compiere un controllo e di rintracciare il prodotto durante tutta la filiera produttiva contrastando la contraffazione che, in questo settore, è stimata in 100 miliardi di euro in tutto il mondo». Alla festa nel nuovo stabilimento di Bogolese ha partecipato anche l'amministrazione comunale di Sorbolo rappresentata dal sindaco Nicola Cesari, dal vice Sandra Boriani e dal consigliere Marco Comelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal