Sei in Archivio bozze

Sicurezza

Controllo di vicinato anche a Fontanellato

03 gennaio 2018, 06:00

Controllo di vicinato anche a Fontanellato

Michele Deroma

È stato approvata all'unanimità, dal consiglio comunale di Fontanellato, l'adesione al progetto di controllo di vicinato, già presentato in un incontro pubblico tenutosi nella frazione di Parola: il voto a favore del progetto - promosso dall'amministrazione con le forze dell'ordine e inserito nel Patto per la sicurezza tra il Comune di Fontanellato e la Prefettura - è stato espresso nell'ultimo consiglio comunale riunitosi nella Rocca Sanvitale, dopo l'intervento del vicesindaco Mattia Rivara, che ha spiegato funzioni e modalità del programma, «avente lo scopo di sensibilizzare i cittadini alle buone pratiche di vicinato, aumentando il loro senso civico». L'adesione al progetto è aperta a tutti i cittadini maggiorenni, che potranno in seguito sottoscrivere un modulo di iscrizione: tra di loro sarà quindi individuato un referente, che avrà un ruolo di filtro tra cittadini e istituzioni. Il compito dell'amministrazione comunale e del comandante della polizia municipale è invece quello di istruire i cittadini nei loro compiti, che saranno in particolare quelli di segnalare ai vicini di casa una propria assenza prolungata dall'abitazione, mentre «in loco» sarà chiesto ai cittadini aderenti al progetto di annotare i numeri di targa di vetture sospette e controllare le abitazioni vicine nel caso provenga da queste un segnale di allarme.

«La difesa del cittadino spetta soltanto alle forze di polizia» ha ribadito il vicesindaco Rivara. L'iniziativa è stata apprezzata dalla minoranza, come evidenziato da Ubaldo Arduini di «Cambiamo Fontanellato»: «La sicurezza sta a cuore a tutti e un'opera che impegna direttamente i cittadini, portandoli a riacquistare un senso di comunità che oggi purtroppo si è perso, trova pienamente il nostro appoggio».

«Il controllo di vicinato è finalizzato anche alla coesione sociale», ha affermato il sindaco di Fontanellato, Francesco Trivelloni: «La vera prevenzione della sicurezza passa dal poter porre tutti i cittadini in una condizione di vita dignitosa, evitando così situazioni di disagio. L'investimento sul sociale è sempre un punto fermo del nostro mandato, al fine di prevenire povertà ed emarginazione. L'amministrazione fontanellatese sta lavorando a 360 gradi sulla sicurezza», ha aggiunto Trivelloni, elencando le varie iniziative promosse nella cittadina sul tema, «dalle settimane della legalità nelle scuole all'installazione delle telecamere di videosorveglianza sul territorio, sino ad incontri pubblici come quello tenutosi proprio a Parola: frazione non scelta a caso, dato che è quella maggiormente esposta a furti, vista la posizione sulla via Emilia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal