Sei in Archivio bozze

INIZIATIVA

«Ciao.. sono Garibaldi»: la parola a statue e monumenti

04 gennaio 2018, 06:00

«Ciao.. sono Garibaldi»: la parola a statue e monumenti

Vittorio Rotolo

Fermarsi ad ammirare la statua raffigurante Giuseppe Verdi, in Pilotta. Avvicinare il proprio smartphone al QR-Code riportato su un adesivo applicato al basamento del monumento stesso e ricevere una telefonata da parte... del «Cigno di Busseto». Che si presenta con un saluto, nome e cognome, iniziando a raccontare qualcosa della sua vita e di Parma ed infine invitando il passante ad ascoltare le sue celebri note direttamente sotto i portici del Teatro Regio. È il progetto «TT Talking Teens», promosso dall'associazione culturale Echo (Education Culture Human Oxygen) di Parma, con il sostegno di Fondazione Cariparma e dell'assessorato alla Cultura del Comune, che farà «parlare» dieci statue simbolo della nostra città.

Protagonisti dell'iniziativa, sviluppata da Echo insieme al liceo artistico Toschi, all'Itis Da Vinci e alla delegazione Fai-Fondo ambiente italiano di Parma, saranno circa 250 studenti degli istituti superiori di Parma e provincia: ciascuna classe adotterà un monumento per poi elaborare, al culmine di un intenso percorso di ricerca condotto insieme ad un team di docenti ed esperti, il testo della conversazione telefonica, successivamente riprodotto dalla voce di attori professionisti. Italiano e inglese, naturalmente, le lingue utilizzate. Ma nel caso della statua di Màt Sicuri in piazzale della Macina, che inviterà cittadini e turisti a compiere un giro in bicicletta tra i quartieri più popolari di Parma, il testo sarà recitato pure in dialetto parmigiano.

A partire da lunedì avranno inizio i primi incontri con le classi partecipanti che, entro la fine del mese di marzo, dovranno consegnare il testo da racchiudere nei due minuti del messaggio.

Le statue inizieranno a «parlare» dall'autunno prossimo: a rendere l'esperienza dei passanti unica e coinvolgente, oltre a Verdi e Màt Sicuri, saranno pure le altre di Garibaldi e del Correggio, del Parmigianino e del Partigiano, nonché il monumento ai caduti della Prima guerra mondiale, in viale Toschi.

«Progetti di questo tipo esistono già in altre grandi città, come Londra. Ma, a Parma, Talking Teens vuol andare oltre, puntando a sviluppare costruttive relazioni fra i membri della comunità» afferma Paola Greci, presidente di Echo Parma, associazione che valorizza il patrimonio artistico attraverso proposte di carattere culturale ed educativo, rivolte soprattutto ai giovani. «Gli studenti delle classi coinvolte - spiega la Greci - realizzano il progetto, trasformandosi da utilizzatori passivi e silenziosi di tecnologie in attori protagonisti del dialogo tra la statua e chi la osserva, facendo leva su contenuti dinamici. Questo andrà a beneficio di molti loro coetanei, che impareranno a scoprire l'arte anche al di fuori del contesto scolastico. Istituzioni, privati cittadini e aziende, invece, potranno collaborare finanziando il progetto attraverso una campagna di crowdfunding».

Per ricevere la «chiamata» da parte della statua, al visitatore basterà scaricare una App oppure comporre il numero telefonico riportato sempre sull'adesivo del QR-Code. Gli studenti dell'Itis Da Vinci cureranno una parte informatica; i ragazzi del Toschi, invece, quella grafica, insieme alla realizzazione dei modellini delle statue, dando vita ad un percorso sensoriale per ipovedenti e non solo.

«TT Talking Teens» si evolverà nel tempo, adattandosi alle nuove tecnologie. E con qualche accorgimento che permetterà, ad esempio, ai non udenti di vivere tale esperienza ricevendo, al posto della telefonata, un video-messaggio con il linguaggio dei segni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal