Sei in Archivio bozze

LUTTO

Soragna piange Rita Passera, la signora del volontariato

07 gennaio 2018, 06:00

Soragna piange Rita Passera, la signora del volontariato

Michele Deroma

Non si parlava d'altro ieri sotto i portici della piazza di Soragna, rimasto all'alba dell'Epifania orfano di una donna estremamente attiva e impegnata in favore della popolazione e dell'associazionismo locale, con generosità e passione: a 70 anni si è spenta infatti nell'ospedale di Vaio Rita Passera.

La donna si trovava ricoverata nel nosocomio fidentino in seguito all'aggravarsi delle proprie condizioni di salute: a Rita era infatti stato diagnosticato già da anni un male incurabile, ma la donna non aveva perso il proprio animo generoso e fino a quando la salute glielo ha concesso, non ha voluto fare mancare la propria presenza a favore delle associazioni del paese e per il gruppo soragnese degli Alpini, a cui era particolarmente legata.

Corrado Azzali, capogruppo delle penne nere di Soragna, la ricorda ancora impegnata alla festa del pesce dello scorso agosto: le sue condizioni di salute erano già precarie, ma «il suo spirito di iniziativa era se possibile ancora più forte», ricorda Azzali.

E' soltanto uno dei tanti aneddoti di Azzali, per una persona «indispensabile per tutte le associazioni soragnesi».

Rita Passera collaborava con l'Ente Mostra, organizzatore della storica fiera dell'artigianato di Soragna, e con il locale circolo degli anziani: in questo contesto era stata lei - insieme a Loredana Fava, anche lei impegnata nel volontariato locale - a ridare lustro alle serate di ballo organizzate nella struttura di via Matteotti.

Lo stesso circolo soragnese, in segno di lutto per la scomparsa di Rita Passera, ha annullato la serata di ballo prevista nella serata di ieri: tristezza e commozione la facevano infatti da padrone, ieri, per la scomparsa di una persona che non vedeva l'ora di preparare e realizzare iniziative per il suo paese.

Rita Passera ha sempre vissuto a Soragna. E' cresciuta in un podere nella campagna alla periferia del paese e ha lavorato il cartone nella vecchia azienda locale Raf.

Quindi ha sposato nel 1967 Gino Orsi, ex esponente della Democrazia cristiana e figura di rilievo della politica locale nel corso degli anni Novanta.

Dal loro matrimonio sono nati Marco, Monica e Paolo, e Rita si è dedicata alla vita da casalinga nel podere della famiglia Orsi, anch'esso situato nella campagna attorno a Soragna, in strada Argini: un'attenzione costante nel corso della propria vita, quella di Rita per la propria famiglia, e ora a Gino e ai tre figli si è stretta l'intera popolazione del paese, che – tra i vari messaggi lasciati sui social - ricorda con affetto e cordoglio «una vera signora dal cuore d'oro, sempre gentile e sorridente, una persona meravigliosa, mamma e nonna stupenda».

Il rosario in ricordo di Rita passera sarà recitato questa sera alle 20 nella chiesa parrocchiale, dove domani mattina alle 10 sarà celebrato il funerale. Quindi l spoglie saranno tumulate nel camposanto locale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal