Sei in Archivio bozze

Lesignano

«Progetto Bellezza» per le Terme

14 gennaio 2018, 06:01

«Progetto Bellezza» per le Terme

Matteo Ferzini

Le Terme di Lesignano, luogo di conservazione e promozione della Bellezza: quella con la B maiuscola, riconosciuta anche dal governo italiano.

Il palazzo e il giardino delle storiche Terme di Lesignano sono infatti tra i 273 luoghi in tutta Italia a cui sono destinati i fondi del «Progetto Bellezza» nazionale, promosso dal governo nel 2016 per il recupero dei luoghi storici e culturali identitari sparsi per tutto il Paese.

Nel maggio 2016, il governo Renzi ha deciso di mettere a disposizione 150 milioni di euro per il recupero di luoghi pubblici riconosciuti come un bene culturale e sociale per le comunità di riferimento: da allora sono stati presentati allo Stato oltre 7mila progetti da tutto il territorio nazionale. Alcuni giorni fa è infine stato pubblicato l'elenco dei progetti vincitori: tra loro, unico nella provincia di Parma, c'è anche il progetto relativo alle ex Terme di Lesignano, promosso dal consiglio comunale in seguito alla segnalazione del bando e all'impegno in primo luogo del consigliere di minoranza Diego Cauzzi di «Lesignano civica».

Per le Terme di Lesignano, ha spiegato il sindaco di Lesignano Giorgio Cavatorta, sono stati stanziati 390mila euro a fondo perduto, che andranno a completare l'intervento già realizzato sul palazzo, cioè consolidando l'ultimo piano e recuperando i vecchi pozzi alla base.

Prevista anche la riqualificazione dell'area parco, centrale nel paese, e la ristrutturazione dell'edificio della barchessa esterna al palazzo. Il progetto, realizzato dall'Ufficio Tecnico Comunale, ha avuto fin dalla presentazione il sostegno del senatore parmigiano Giorgio Pagliari, presente alla conferenza stampa insieme al consigliere regionale Barbara Lori e al deputato Pd alla Camera Giuseppe Romanini.

«E' una soddisfazione impagabile – ha commentato il sindaco Cavatorta – , a un anno e mezzo dalla fine del mio secondo mandato, presentare il risultato di un progetto a cui aspiravamo fin dal 2009, e condiviso da tutto il consiglio comunale». Un plauso particolare per l'unione d'intenti e la condivisione all'interno dell'intero consiglio dimostrati è stato confermato anche dagli ospiti del mondo politico regionale e nazionale presenti: Barbara Lori ha sottolineato poi il fattore di attrattività turistica e culturale nuova che darà il parco delle ex terme una volta completo.

«E' importante poter dire di aver ritrovato un luogo di comunità e un punto d'unione – è stato il commento di Diego Cauzzi, il primo promotore all'interno del consiglio del Progetto Bellezza -, tanto per i cittadini “storici” che ritrovano nelle ex terme un loro fondamento identitario, quanto per i nuovi cittadini e i più giovani che lo scopriranno ora».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal