Sei in Archivio bozze

A MEDESANO

Pioggia di lettere anonime a luci rosse

16 gennaio 2018, 06:02

Pioggia di lettere anonime a luci rosse

Luca Pelagatti

Nell'epoca nostra, dove si comunica solo con lo smartphone, le lettere sembravano estinte. Così come parevano passate di moda le missive anonime, quelle firmate «un'amica». quelle dove una mano senza nome svela torbide storie di corna. E di amori traditi. Sembravano, dicevamo. Mentre invece il genere pare essere anche troppo in auge. Tanto che dai pettegolezzi da camera da letto si è arrivati alle perizie della polizia scientifica. Detto così potrebbe essere una storia di Montalbano: ma è tutt'altro. Anche perché gli incolpevoli protagonisti sono una coppia di Medesano - e la Sicilia non c'entra - finiti nel mirino di qualcuno - uomo o donna non è dato sapere - che ad intervalli irregolari prende carta e penna. E sparge veleno favoleggiando storie d'amore clandestine. Il primo episodio risale a più di un anno fa: «Tuo marito ti tradisce - ha vergato una mano anonima - e lo sta facendo con la stessa donna che mi ha già portato via mio marito. Non voglio che tu soffra come ho sofferto io. Per cui intervieni subito». Ora, il tono della lettera è un po' da melodramma e la coincidenza di quel doppio tradimento suona irreale. Ma la moglie, come è comprensibile, leggendo è sobbalzata sulla sedia.

Per fortuna però quella è una coppia vera, solida e innamorata. Così i coniugi si sono guardati negli occhi, hanno parlato e immediatamente deciso insieme che si trattava, nel migliore dei casi, di uno scherzo. Nel peggiore di una consapevole carognata.Un dubbio svanito quasi subito: perché lo scherzo dura poco. Mentre le lettere hanno continuato ad arrivare. Sempre scritte in stampatello e in un italiano da buone scuole hanno aggiunto nuove puntate a questo stravagante romanzo d'appendice. «Lui è sempre insieme a lei, vanno anche in viaggio di nascosto, devi fare qualcosa», ha insistito il grafomane misterioso. E a quel punto la coppia, giustamente spazientita, ha preso fogli e buste e si è presentata alla squadra Mobile dove ha sporto regolare denuncia. Ne è nata una discreta indagine, tutt'ora in corso, che ha portato già a qualche risultato. Mentre la mano misteriosa, imperturbabile, ha continuato a poetare. «Ti ho vista con lui. Come puoi rimanere insieme ad un infedele?», ha tuonato l'anonimo. Che vedendo che non otteneva risultati ha poi deciso di rilanciare. «Sono sempre io e ti devo dire che tuo marito, oltre che con la prima donna, ti tradisce anche con altre».

Per carità e discrezione ci fermiamo qui: ma da questo punto il nome delle fedifraghe diventa legione. E il marito accusato si trasforma in una specie di traditore seriale che, se tutto questo fosse realtà, forse non avrebbe avuto il tempo di fare null'altro che passare da un talamo all'altro. Non solo: l'autore delle missive, forse stizzito di non riuscire nel proprio sconosciuto intento, ha iniziato ad allargare il campo d'azione. E avrebbe scritto anche al marito di una delle nuove donne accusate di frequentare il traditore. «Tua moglie se la fa con quell'uomo», ha scritto. Ma stavolta invece di firmarsi come una donna si è presentato come un uomo. Sia pure misterioso. Insomma, la confusione sotto il cielo di Medesano appare grande. Ma la situazione forse è migliore di quello che appare. Questo perché gli accertamenti messi in campo dalla polizia - ovvero perizie calligrafiche, controlli delle celle telefoniche e altri riscontri scientifici - hanno ridotto il cerchio dei sospetti. E a breve potrebbero esserci sorprese. I poliziotti della Mobile per il momento non confermano e la coppia presa di mira preferisce un dignitoso silenzio. E il «Corvo»? Anche lui/lei tace. Forse prepara nuove lettere. Senza ricordare che il volo dei calunniatori anonimi, di solito, dura poco. Quando vengono scoperti sono altri a scrivere. In questo caso quelli della polizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal