Sei in Archivio bozze

Chiesa

Enrico, il chimico che ha scelto la tonaca

20 gennaio 2018, 06:00

Enrico, il chimico che ha scelto la tonaca

Luca Molinari

Chimico e seminarista. Enrico Bellè nel 2014 ha deciso di passare dallo studio delle molecole a quello delle sacre scritture, per diventare prete. Trentuno anni, parmigiano d'adozione (è originario di Verona), Bellè oggi alle 18.30 nella chiesa di San Benedetto verrà istituito lettore dal vescovo Enrico Solmi. Il conferimento del lettorato (i lettori sono coloro che proclamano e trasmettono la parola di Dio) rappresenta il primo passo verso l'ordinazione sacerdotale.

«Vivo dal 2005 a Parma – afferma – dove mi sono trasferito per gli studi universitari. Per un anno ho frequentato scienze gastronomiche, perché avevo studiato all'istituto alberghiero, poi, dopo aver superato due esami di chimica, ho scoperto la mia passione per questa materia e così ho deciso di iscrivermi a chimica, conseguendo la laurea triennale e specializzandomi in chimica fisica». Enrico Bellè in quegli anni ha frequentato il collegio universitario dell'istituto salesiano San Benedetto e, successivamente, ha lavorato come educatore nel convitto delle scuole superiori dei salesiani. «La celebrazione avverrà nella chiesa del San Benedetto – racconta – perché nell'istituto salesiano ho compiuto una lunga esperienza sia come educatore nel convitto delle superiori, sia come animatore degli universitari».

Bellè è entrato in seminario nel 2014. «È stata una scelta maturata negli anni – spiega il seminarista –. Da piccolo volevo fare il prete, ma ho riconsiderato l'idea più tardi, durante l'università. In questo senso è stata decisiva l'esperienza come educatore al San Benedetto. È stato un servizio molto importante per far maturare la mia vocazione: ho capito che preferivo spendere una vita al servizio delle persone e non delle molecole. Ho scelto di raccontare di Gesù ai ragazzi e di offrire un servizio educativo, ma anche un confronto di fede».

Enrico Bellè ha scelto di rimanere a Parma ben prima di entrare nel nostro seminario. «Sono veronese, ma sento in me un sentimento di figliolanza adottiva verso Parma – dichiara –. Qui è arrivata la chiamata del Signore e qui ho scelto di vivere ben prima dell'ingresso in seminario». Bellè attualmente presta servizio nella nuova parrocchia della Cattedrale e si occupa, assieme ad altri catechisti, dei gruppi post cresima e del gruppo dei fidanzati per la preparazione al matrimonio. In seminario è inoltre animatore vocazionale del gruppo degli adolescenti «Gruppo seguimi».

Il prossimo anno Bellè sarà istituito accolito, ultimo passo prima dell'ordinazione diaconale e, infine, sacerdotale. Oggi, durante la celebrazione presieduta dal vescovo, il giovane seminarista riceverà la Bibbia come «annunziatore della parola di Dio». Spetta infatti al lettore durante la messa e nelle altre celebrazioni, proclamare le letture della sacra scrittura (ad eccezione del Vangelo).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal