Sei in Archivio bozze

SQUADRA MOBILE

Nella borsa aveva un chilo di marijuana: 34enne arrestata

20 gennaio 2018, 06:01

Nella borsa aveva un chilo di marijuana: 34enne arrestata

Il cellulare in mano, lo sguardo che non smetteva di frugare tra la scarsa folla del mattino: forse in cerca del «contatto» parmigiano o forse di eventuali divise dalle quali fuggire. La donna che tradiva tanto nervosismo nel piazzale con le fermate dei bus sul retro della stazione non poteva passare inosservata ai poliziotti della Sezione narcotici. Gli uomini della Squadra mobile erano impegnati in un servizio contro lo spaccio: uno dei tanti decisi dalla questura per contrastare lo smercio al minuto, sempre più alla luce del sole, sempre più tra la gente. La stazione è uno dei fronti principali di questa controffensiva. Erano le sei dell'altro ieri, e il sole non era ancora spuntato, i poliziotti avrebbero trovato ben di più della classica dose di pronto spaccio: quell'immigrata nigeriana di 34 anni viaggiava con oltre un chilo di marijuana con sé. «Erba» di certo destinata ai parmigiani, pronta per essere distribuita a chi vende al dettaglio a San Leonardo o nella zona di viale Villetta.

La droga (per l'esattezza 1.066 grammi) non era nemmeno nascosta. Quasi si trattasse di qualcosa che si porta normalmente con sé era nella borsa a tracolla della straniera: era solo fasciata in un involucro di cellophane, per evitare che «desse nel naso» anche dal chiuso della borsa. I poliziotti l'hanno scoperta quasi subito, dopo che lei aveva cercato di fingere di non capire, provando a spiegare il proprio tremito con la paura di chi non ha i documenti in regola. Lei ha mostrato una logora carta d'identità rilasciata dal Comune di Roma parecchi anni or sono. Il permesso di soggiorno concesso perché si potesse studiare la sua posizione di richiedente asilo (richiesta respinta da quel dì) le era scaduto da tempo. E mai era stato rinnovato. Quanto la questione sia trascurabile lo dimostra il fatto che lei ha continuato a restare nel Belpaese, dividendo la propria esistenza tra Roma e Torino. Senza mai avere problemi con la legge.

L'altro ieri, con il suo ingombrante bagaglio la donna è stata caricata su una delle auto civetta con le quali i poliziotti della Narcotici stavano compiendo il servizio. In borgo della Posta è stata arrestata per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. E in una camera di sicurezza della questura ha trascorso la notte. Ieri mattina, è comparsa davanti al giudice Paola Artusi, per la direttissima. Il suo avvocato ha chiesto i termini a difesa: il processo è stato così rinviato al 30 gennaio. Ma intanto è stata accolta la richiesta del pm Laila Papotti affinché la 34enne fosse sottoposta alla custodia cautelare in carcere. La mattinata dell'arrestata si è conclusa con la partenza per la casa circondariale femminile di Modena. Lei ha detto di essere in stato interessante: condizione che potrebbe non essere compatibile con la detenzione. Si vedrà. Per ora, quel che c'è di certo è una borsa con oltre un chilo di marijuana. rob.lon.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal