Sei in Archivio bozze

DILETTANTI

Clamoroso a Felino: si dimette Pioli

23 gennaio 2018, 06:00

Clamoroso a Felino: si dimette Pioli

Marco Bernardini

Colpo di scena nel campionato di Promozione: Leonardo Pioli, fratello del tecnico della Fiorentina Stefano, ha rassegnato le dimissioni da allenatore del Felino, che pure si trova al secondo posto assieme al Colorno a meno due dalla capolista Piccardo Traversetolo, prossimo avversario nell'atteso big match di domenica. Una decisione improvvisa e clamorosa, maturata al termine del pari interno col Marzolara (1-1), costato la vetta della classifica anche a causa del rigore fallito allo scadere da Bottarelli e che, stando alla versione ufficiale della società, sarebbe da ricondurre a “motivi personali” anche se in realtà potrebbero aver influito, non si sa in quale misura, alcuni screzi avvenuti nello spogliatoio in un caldo e movimentato post partita al “Bonfanti”.

Nel campo delle ipotesi. Ragioni forse non sufficienti da sole a giustificare il sorprendente passo indietro: rimanendo nel campo delle ipotesi (il tecnico per ora non commenta), è inevitabile pensare che possa esser stato condizionato, almeno in parte, da fattori esterni e più nello specifico dalle ormai note vicende extracalcistiche delle ultime settimane, nonostante alle porte ci sia lo scontro diretto che può valere il primato ed un'intera stagione. La squadra è stata affidata momentaneamente al vice allenatore Michele Porcedda e non sono da escludere a priori soluzioni interne ad interim come la promozione di Alessandro Melli, ora alla guida della Juniores Regionale, di Pierpaolo Pisi, attuale responsabile del settore giovanile oppure della suggestione Adil Mezgour, dallo scorso anno in possesso del patentino Uefa “B”.

Salta la sfida al figlio. La dirigenza, già alle prese con il fresco arresto di Franco Gigliotti, vicino all'ambiente rossoblù pur non figurando direttamente nell'organigramma, ha fatto il possibile per convincere l'ex tecnico di Ciano, Lentigione, Salso e Piccardo a tornare sui propri passi ma non c'è stato verso: Pioli lascia il timone, curiosamente alla vigilia della sfida in famiglia col figlio Filippo regista dei gialloneri, dopo aver ottenuto ben 44 punti in venti partite, frutto di tredici vittorie, cinque pareggi, gli ultimi due consecutivi di fronte a Brescello e Marzolara, e due soli ko, il più recente datato 5 novembre scorso nella tana della Biancazzurra. E non potrà vivere dalla panchina l'appassionante volata a tre che, verosimilmente, coinvolgerà fino a maggio Piccardo, in corsa anche in Coppa, e Colorno, l'unica delle “big” ad aver fatto bottino pieno nelle tre uscite del 2018.

Settimana calda. Spiazzato il ds felinese, Gianluca Maiavacchi, che ha sperato fino alla fine in un ripensamento apparso molto complicato fin da subito. «Ci dispiace tantissimo sotto l'aspetto calcistico e, soprattutto, professionale, aveva stretto un ottimo rapporto sia con me che con gli altri componenti della società, in primis il presidente Bola. Siamo rimasti un po' sorpresi, accettiamo a malincuore questa sua decisione ma dobbiamo guardare avanti e ci metteremo al lavoro per trovare un degno sostituto. Non sarà facile anche perché capita nella settimana meno indicata visto che domenica ci aspetta una partita importante e decisiva in casa della Piccardo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal