Sei in Archivio bozze

Boschi di Carrega

I ladri sfasciano un'auto per rubare gli zaini

Scendono per fare due passi e nascondono gli zaini con le macchine fotografiche nel baule. Non è bastato per fermare i ladri

di Gian Carlo Zanacca -

13 marzo 2018, 06:01

Vanno ai Boschi di Carrega e gli svaligiano l’auto: è accaduto domenica mentre al Centro Parco Casinetto era in corso un’iniziativa dedicata alla pet therapy, legata all’asino, promossa dall’associazione «Asini nel cuore» in collaborazione con i Parchi del Ducato. Una coppia di Collecchio ha deciso di fare una passeggiata ed ha approfittato dell’apertura della strada che conduce al Centro Parco Casinetto per raggiungerlo in auto. Il tempo di scendere, fare due passi e, al ritorno, l’amara sorpresa: il lunotto posteriore della Mini in frantumi e l’auto svaligiata. E’ successo ad una coppia di Collecchio, lei studentessa universitaria, lui libero professionista. Dal baule della Mini verde sono sparite due macchine fotografiche: una Nikon e una Olympus del valore di circa duemila euro, inoltre chi ha messo a segno il furto si è impossessato della borsetta della ragazza che conteneva diversi effetti personali, compresi documenti, chiavi di casa ed altro. «Siamo ancora increduli – spiega la giovane – neanche il tempo di voltare lo sguardo e siamo stati derubati. E’ certo che i ladri ci hanno tenuto sotto osservazione ed hanno controllato ogni nostro movimento. Borsetta e macchine fotografiche, infatti ,erano state accuratamente occultate nel baule. Ma non è servito a nulla».

Da parte dei due giovani c’è, ovviamente, molta delusione. «La nostra macchina – spiegano – è stata l’unica ad essere stata manomessa dai ladri, ma ce n’erano altre parcheggiate in zona. E questo per noi resta un mistero, anche se è probabile che, essendo arrivati per ultimi, la nostra fosse un po’ più fuori mano rispetto alle altre e forse meno in vista». Sul posto è, poi, intervenuta su segnalazione dei due giovani, una pattuglia dei carabinieri per i rilievi del caso. Non è escluso che vi siano degli sviluppi nelle indagini. «Qualcuno - secondo i ragazzi – potrebbe aver visto qualcosa, sia tra chi passeggiava sia tra coloro che pedalava per il parco». Non è la prima volta che vengono messi a segno furti ai danni delle auto parcheggiate nella zona dei boschi di Carrega. Da tempo cittadini ed i rappresentanti del gruppo di minoranza in consiglio comunale a Collecchio di «Liberi e uniti per Collecchio» chiedono che venga installato un sistema di videosorveglianza nel parcheggio del Serraglio, ampia area di sosta in via del Conventino all’ingresso dei boschi. Furti ai danni di auto i sosta si sono registrati anche in corrispondenza dell’ingresso di via Capanna, provenendo da Sala. I carabinieri consigliano di non lasciare mai nulla di valore in auto, specialmente se queste vengono lasciate in sosta in luoghi isolati. «E’ molto triste – conclude la giovane universitaria – constatare che non si può più fare neanche una passeggiata in auto in una domenica uggiosa di marzo nei boschi perché si potrebbe essere sempre presi di mira dai ladri. Penso che sul tema sicurezza sia il caso di riflettere soprattutto da parte di chi è deputato a garantirla».