Sei in Archivio bozze

Palanzano

Addio a Tina Re, rezdora e cuoca eccellente

19 marzo 2018, 06:01

Lorenzo Sartorio

PALANZANO - Incarnava con la sua dolcezza, la sua bontà e quella dignità tutta montanara, lo stile e il carattere della nostra gente dei monti. Tina Re vedova Cavalli, figura amatissima e conosciutissima a Palanzano, è deceduta nei giorni scorsi a 85 anni. Palanzanese, il padre Pio, persona buona e gran galantuomo, fu per tanti anni il macellaio del paese. Tina, fin da giovane, conobbe cosa volessero dire sacrifici e lavoro come buona parte dei nostri montanari.

Nel 2009 la morte del marito Enzo Cavalli, anch’egli palanzanese, di antica famiglia contadina della Val Cedra, gran signore, amante della propria terra, persona molto nota e stimata in tutta la vallata per la sua rettitudine, la sua laboriosità e per quel fare da gentiluomo all’antica che manifestava nei confronti di tutti. Tina ed Enzo formavano una coppia esemplare. Lui, sempre attivo nei suoi campi che teneva come giardini. Lei, perfetta rezdora, impeccabile nei lavori domestici, cuoca straordinaria di piatti che cucinava seguendo le antiche ricette montanare delle sue ave. Nella cucinona della sua casa dalle cui finestre si poteva scorgere tutta la sacrale maestosità del Monte Caio, la Tina, trascorreva le sue giornate e anche negli ultimi tempi, sebbene seriamente ammalata, non lesinava sorrisi a nessuno in sintonia con il suo dolcissimo carattere. In estate, con i suoi cari, trascorreva le veglie serali sotto il fronzuto bersò della sua casetta alla Giarola, affacciata sulla Massese. Finché la salute glielo ha consentito, era lei la gelosa custode del suo pollaio e di quell’orto che curava con tanto amore e altrettanta passione. Quasi ogni mattina la si poteva incontrare mentre, con la borsa della spesa, si recava a Carbogna nel negozio degli amici Giuseppe, Ercolina e Benedetta Cadossi e ad acquistare, in edicola, l’immancabile Gazzetta. Da qualche anno, nonostante le sue condizioni di salute fossero molto peggiorate, trovò conforto nelle amorevoli cure del medico curante dottor Arduino Chiari e del figlio Roberto che viveva con lei e per lei.

Era molto legata alla famiglia: ai figli Roberto ed Eugenio, stimato dipendente della Barilla, agli adorati nipoti Lorenzo e Cecilia, com’era pure molto legata ai fratelli Edda e Sergio. I funerali si svolgeranno stamattina alle 13.45 partendo dall’Ospedale Maggiore per la chiesa di Palanzano, indi per il locale cimitero.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal