Sei in Archivio bozze

COLLECCHIO

L'agonia di Ilir, lo schianto mentre tornava in scooter dal lavoro

19 marzo 2018, 06:00

Gian Carlo Zanacca

COLLECCHIO - Non ce l’ha fatta Ilir Dobjani, dopo tre giorni tra la vita e la morte il suo cuore ha cessato di battere.

Ilir, 41 anni, di origini albanesi, era alla guida del suo scooter venerdì notte quando è stato coinvolto in un incidente alle porte di Collecchio. Erano circa le 23.30 quando un’Alfa Romeo Mito condotta da un giovane è entrata in collisione con lo scooter. I due mezzi procedevano da Parma in direzione Collecchio e l’incidente è avvenuto appena dopo la stazione di servizio della Q8.

Sul posto si sono portati gli agenti della polizia stradale di Parma che hanno effettuato i rilievi del caso. Le condizioni di Ilir sono apparse subito gravi agli operatori del 118 che sono intervenuti prontamente sul posto. L’Alfa era ferma sulla carreggiata da Parma verso Collecchio e, a poca distanza, c’era lo scooter, nel fosso, sulla destra verso la campagna. Ilir è stato sbalzato ad alcuni metri di distanza. I soccorritori l’hanno trasportato al Maggiore ma per lui non c’è stato nulla da fare, le ferite riportate erano troppo gravi.

La sua scomparsa ha destato profondo cordoglio nella comunità albanese di Parma e di Collecchio dove Ilir era molto conosciuto.

Si era trasferito a Collecchio una decina di anni fa. Abitava nella frazione di Ozzano Taro dove aveva acquistato un piccolo appartamento.

Gli amici lo ricordano come una persona dal cuore grande, «era sempre disponibile – dice un amico – se avevi bisogno sapevi di poter sempre contare su di lui».

Era originario della città di Kavajë, vicino a Tirana, in Albania ed era venuto in Italia per impegnarsi con il lavoro cercando di conquistare un futuro migliore. Purtroppo invece, la sua vita si è spezzata troppo presto nonostante che i medici della Rianimazione abbiano fatto il possibile per salvarlo: troppo forte il trauma riportato durante l’incidente. Sulla dinamica ancora si stanno aspettando i risultati dei rilievi per provare a stabilire la causa dello schianto ed eventuali responsabilità.

Ilir lavorava come carrellista in una ditta della zona e venerdì sera stava tornando dal lavoro quando è stato coinvolto nel fatale incidente sulla statale della Cisa.

«Ilir era un amico – prosegue un suo coetaneo albanese – amava lo sport, le arti marziali in particolare, era un ragazzo forte ed energico. Ci mancheranno il suo sorriso e la sua bontà».

Ilir lascia la moglie e un figlio che non vivevano, però, con lui.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal