Sei in Archivio bozze

VIA MAZZINI

Parrucchiera sparita da un mese: è giallo

30 marzo 2018, 07:03

LAURA FRUGONI

Si chiama Adua Della Porta, ha 41 anni, due begli occhi scuri dal taglio un po' allungato, mentre con i capelli le piace giocare (le meches fucsia, le treccine afro): un vezzo che non stupisce, visto che fa la parrucchiera.

Di Adua non si sa più nulla da un mese: scomparsa la mattina del 28 febbraio. Andata via senza avvertire, senza salutare nessuno: nel salone «Jean Louis David» di via Mazzini le dipendenti l'hanno aspettata guardandosi negli occhi, sempre più nervose. Da quel giorno risulta irrintracciabile: inutile provare sul telefonino (cantilena della segreteria), inviarle un messaggio su WhatsApp o su Facebook (non risponde, non aggiorna).

L'altra sera la madre ha rivolto un appello accorato alla trasmissione di Rai 3 «Chi l'ha visto?»: «Voglio soltanto sapere se mia figlia è viva - ha detto Gabriella fissando la telecamera - se sta bene. Se vuole tornare non ci sono problemi, i problemi di qualsiasi tipo si risolvono».

Gabriella non vive a Parma, mentre Adua, che è nata a Imola, da un po' aveva messo salde radici nella nostra città. Un bel lavoro, tante amicizie, un amore. Sfilano le foto sorridenti sulla sua pagina Facebook. Immagini «normali» di un'esistenza serena. Ma era proprio così? Perché, allora, sparire in quel modo? E perché si sente soprattutto l'angoscia nelle parole di chi conosce Adua e le vuol bene?

Gabriella lo dice chiaramente, il perché: sua figlia stava con un uomo tunisino, conosciuto in discoteca, «lui faceva il buttafuori ma lei lo voleva lasciare, litigavano spesso e lui la minacciava. Io le avevo detto di stare all'erta, avevo paura che le facesse del male. Lui viveva alle sue spalle: era la sua gallina dalle uova d'oro».

Dettaglio fondamentale: anche il fidanzato pare inghiottito nel nulla, nessuno l'ha più visto da quando è scomparsa Adua e l'ipotesi più ovvia è che siano insieme. O forse no, nemmeno così è andata.

Poche ore dopo la scomparsa della figlia, Gabriella si era rivolta ai carabinieri di Mordano (comune del Bolognese) e ai colleghi di Imola, ma pure la squadra mobile di borgo della Posta aveva saputo della sparizione della donna già la sera del 28 febbraio. Oltre ad aver ricevuto la segnalazione da Imola, la coinquilina di Adua e un comune amico si erano rivolti ai poliziotti parmigiani: anche il loro racconto si era soffermato sul rapporto burrascoso di Adua con il tunisino, che a volte alzava le mani, ma lei non l'aveva mai denunciato. Un quadro tutt'altro che rassicurante, che li ha spinti ad approfondire il caso: hanno sentito altri amici della 41enne, scavando di più e più a fondo in questa storia e nelle sue ombre. Mettendo a fuoco soprattutto la figura del fidanzato che viveva nell'appartamento di via Siligato (zona di via Navetta), insieme alla sua compagna e alla coinquilina Elena.

Qualcosa è venuto fuori: «Adua si trova all'estero, è andata in Francia». Una traccia, confermata anche dalla coinquilina che pochi giorni fa aveva fatto entrare le telecamere di Rai 3 nell'appartamento che divideva con Adua e il suo fidanzato.

Ieri pomeriggio però l'appartamento aveva tapparelle sprangate, il campanello suonava a vuoto, la cassetta della posta di Adua zeppa di raccomandate mai aperte. Altro particolare delicato: più di una fonte assicura che la 41enne avesse grossi problemi economici. E' andata via perché sentiva l'acqua alla gola?

Una vicina si affaccia sull'uscio: la mattina della scomparsa dice di aver visto una macchina di grossa cilindrata arrivare, rumore di trolley giù per le scale, quattro-cinque persone che salivano in auto, «sì, mi pare che ci fosse anche lei con loro...».

Nell'appartamento la roba del tunisino è sparita dall'armadio. Ma anche nel guardaroba di Adua, guardando bene, s'è visto cosa mancava: il suo beauty, alcuni capi invernali, una borsa. Adua se n'è andata: per ora pare l'unica certezza. Ma un mese di silenzio assoluto è difficile da sopportare. «Ho paura che nel frattempo le possa essere successo qualcosa - ha detto Elena - lui le diceva: o con me o con nessuno».

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal