Sei in Archivio bozze

Strada Farini

Chiude Saccani: per 60 anni ha guardato a vista gli occhi dei parmigiani

01 aprile 2018, 07:01

Lorenzo Sartorio

Ieri mattina Riccardo Saccani e la moglie Paola hanno indossato per l’ultima volta il camice bianco che li ha visti dietro il banco del loro negozio di ottica di strada Farini per tantissimi anni. La decisione di chiudere i battenti maturava già da qualche tempo. Puntualmente, ieri sera, la gloriosa ottica Saccani ha abbassato per sempre le saracinesche lasciando, però, una significativa traccia di tutti questi anni di lenti, occhiali, tanta professionalità e altrettanta cortesia.

Infatti, lo storico barometro, affisso al muro nel 1955, continuerà a fare la spia sulle condizioni meteo. Per i parmigiani, Saccani, oltre essere il negozio di ottica fra i più antichi della città, era diventato anche la «centralina meteo» del cuore di Parma poiché, chi transita davanti all’Ottica Saccani, posta dinanzi a un altro «monumento» di Strada dei Genovesi, ossia l’antica farmacia della dottoressa Maria Beatrice Fornari, a seconda delle lucine del barometro (rossa, cattivo tempo; verde, bel tempo), può sincerasi della temperatura, del grado di umidità e delle previsioni per città e provincia.

Era il 31 gennaio 1955 quando Angiolino Saccani, padre di Riccardo, classe 1916, conseguito il diploma di «ottico», insieme alla moglie Rosa, classe 1920, dava pubblicamente inizio all’attività aprendo in strada Farini il negozio di ottica e fotografia «Foto ottica Saccani », vendita e confezionamento su misura nonché riparazione degli occhiali da vista e da sole. Caratteristica che il negozio ha conservato intatta nel tempo. Angiolino (scomparso nel 1995), negli anni in cui studiava per conseguire il diploma, lavorava come commesso presso la cartoleria «Ferrari» di strada Mazzini. Per arrotondare lo stipendio e anche per passione, alla sera, nel suo «laboratorio domestico», riparava occhiali per conto terzi, dedicando il poco tempo libero all’aeromodellismo divenendo uno dei più autorevoli seguaci di questo hobby che contagiò anche i suoi figli. L’ attività, sia nel campo dell’ottica che della fotografia, ebbe successo, tant’è che, terminati gli studi, il figlio Riccardo affiancò i genitori nel negozio, mentre l’altro figlio, Stefano, si laureò in medicina specializzandosi in cardiochirurgia divenendo un illustre cardiochirurgo .

Con l’ arrivo in negozio di Riccardo si sviluppò il ramo fotografico con relativa apertura di un laboratorio di sviluppo e stampa che, successivamente, venne soppresso per fare spazio all’attività di ottica e in particolare del settore delle lenti a contatto. Nel frattempo era stato coniato lo slogan «Saccani l’ottico di fiducia» con al timone del negozio Riccardo Saccani, ottico optometrista, affiancato dalla moglie Paola e, per un certo periodo di tempo, anche dalla mamma Rosa nonché dai fedelissimi commessi Daniela e Giuseppe.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal