Sei in Archivio bozze

Scuola

Al via i test Invalsi, ora sono online

05 aprile 2018, 07:00

VITTORIO ROTOLO

Alle materie «tradizionali», italiano e matematica, le prove Invalsi riservate agli alunni di terza media hanno aggiunto quest'anno pure la lingua inglese, prevedendo per la stessa due fasi: lettura e ascolto. Ma la vera grande novità dei test, scattati ieri anche a Parma e che proseguiranno fino al prossimo 21 aprile, è rappresentata dal ruolo della tecnologia.

Niente più carta: le prove vengono svolte direttamente su un computer on line. Una modalità che ha creato qualche grattacapo un po' a tutti gli istituti, in particolare dal punto di vista organizzativo. Tra i primi a effettuare i test Invalsi, nella mattinata di ieri, gli alunni della scuola media Sanvitale-Fra' Salimbene.

«Le nostre sezioni hanno cominciato con l'inglese e andremo avanti così, suddividendo le classi in turni, fino a lunedì. Nei giorni successivi, toccherà alle altre materie - spiega il dirigente scolastico, Pier Paolo Eramo -. I ragazzi stanno utilizzando pc portatili. Ma il vero problema, comune peraltro a tutte le scuole del primo ciclo presenti in città, è legato alla connessione: mancando la fibra, dobbiamo infatti procedere con modem da 30 o 50 mega».

«Abbiamo apportato qualche accorgimento di natura tecnica, in modo da potenziare la rete, ed allo stato attuale non ci sono stati intoppi. Ma – ribadisce Eramo – è evidente come il collegamento di così tanti utenti in contemporanea costituisca un'incognita». Da quest'anno, il requisito fondamentale per l'ammissione all'esame di terza media è lo svolgimento della prova Invalsi e non l'esito. Il risultato di ciascun studente sarà riportato in un'apposita sezione della certificazione finale delle competenze.

«A queste prove non bisogna dare un valore di verità assoluta. Tuttavia reputo validi ed interessanti, gli spunti di riflessione offerti dai test Invalsi» fa notare Elena Conforti, dirigente scolastica dell'Istituto comprensivo Toscanini e dell'altro di Sorbolo e Mezzani.

«Partiremo da lunedì prossimo – aggiunge Elena Conforti – e questa nuova modalità di somministrazione delle prove ci ha permesso di chiudere il cerchio, rispetto al percorso di formazione in senso tecnologico già avviato con i nostri insegnanti».

Alla scuola media Vicini, che fa capo all'istituto comprensivo Micheli, i test Invalsi si svolgeranno da martedì a giovedì prossimo. «Per ciascuna giornata abbiamo previsto due sessioni, ciascuna delle quali vedrà lavorare in contemporanea due classi - dice la preside Maria Teresa Pastorelli -. Nel corso delle simulazioni, la nostra connessione ha retto bene. Speriamo che tutto fili liscio anche durante lo svolgimento vero e proprio delle prove».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal