Sei in Archivio bozze

Nelle case

Colorno, arrivano le paratie contro le inondazioni

05 aprile 2018, 07:00

CRISTIAN CALESTANI

COLORNO «L’acqua è democratica. Va a casa di tutti. Questa esercitazione vuole mostrare come sia possibile affrontare serenamente nuove, e sempre più probabili, esondazioni».

Ha usato queste parole l’ex farmacista di Colorno Giampiero Siviero per illustrare, al centinaio di cittadini che ha preso parte alla dimostrazione pubblica, il meccanismo di paratie mobili che ha pensato e realizzato con il supporto di tecnici ed artigiani locali.

«Il giorno dell’alluvione ho visto tanta gente con lo sguardo perso nel vuoto – ha dichiarato - Credo sia necessario non farsi trovare più impreparati. Rivolgo un appello alle amministrazioni comunali della Bassa Est affinché si attivino prevedendo un contributo per aiutare i cittadini ad affrontare le spese per la sicurezza idraulica. Prevenire è sempre meglio che curare».

Siviero – con la collaborazione di Ernesto Mazzola, Alessandro Gorni e Mario Zambianchi – ha poi mostrato a cittadini ed autorità il meccanismo di paratie pensato per la sua abitazione ai civici 36 e 38 di via Du Tillot, strada che fu allagata in occasione dell’alluvione del torrente Parma dello scorso 12 dicembre.

Nelle mura di cinta dell’abitazione sono stati realizzati dei fori con tasselli grazie ai quali è possibile fissare i montanti con i quali sostenere tre tavole di legno di abete impermeabilizzate, le prime due di 50 cm e la terza di 25.

In questo modo l’abitazione della famiglia Siviero è in sicurezza sino a quota 1,25 metri, un livello calcolato tenendo conto anche della quota che raggiunse il Po in occasione dell’alluvione del 1951 all’altezza dell’ex ospedale.

«Per essere al sicuro – ha suggerito Siviero – è necessario far compiere ad un tecnico un calcolo della quota altimetrica alla quale si può ritenere salva la propria abitazione. E poi prevedere l’installazione di valvole anti rigurgito delle acque nelle fogne».

Il sistema di paratie mobili di Siviero, montato in una ventina di minuti, ha richiesto una spesa di circa mille euro e la collaborazione di Ggg ferramenta di Sissa, falegnameria Vittorio Lottici di Coltaro e poi fabbro Lelio Affanni, ferramenta Bussolati, geometra Ivano Zambelli cui si sono aggiunti gli sponsor pizzeria Mami’s e tipografia La Colornese di Colorno.

«Gli interventi idraulici che verranno realizzati a monte di Colorno e a Colorno – ha commentato il sindaco Michela Canova - aiuteranno il nostro paese a raggiungere un alto grado di sicurezza rispetto alle esondazioni del torrente. Tuttavia ragionando su un altro fronte, quello delle cosiddette bombe d’acqua, a volte basta un acquazzone estivo di pochi minuti per mettere in pericolo i piani terra e gli scantinati delle abitazioni. In questi casi paratie e valvole anti rigurgito diventano sistemi di difesa preziosi. Ringrazio la famiglia Siviero e tutti i colornesi che hanno contribuito a realizzare la dimostrazione che è servita per fare attenzione sul fatto che il nostro clima è profondamente cambiato e per questo bisogna attrezzarsi. Con questa iniziativa abbiamo contribuito a promuovere una riflessione su questo tema».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal