Sei in Archivio bozze

Alle Fiere

Mondiali della pizza, sfida nella sperimentazione

10 aprile 2018, 07:00

Vittorio Rotolo

L’Italia chiama con una pizza al tartufo avvolto nel Parmigiano Reggiano. E, da queste parti, è un po’ come giocare in casa. La Francia risponde invece con quella senza glutine, esaltata da una crema di barbabietole al lampone. Una vera bontà.

Si gioca sul terreno delle sperimentazioni e degli abbinamenti tanto sfiziosi quanto originali, il Campionato Mondiale della Pizza. Un appuntamento, giunto ormai alla sua ventisettesima edizione e che fino a domani, al Palacassa delle Fiere di Parma, mette di fronte quasi 800 concorrenti, in rappresentanza di 43 nazioni: dagli Stati Uniti al Brasile, dall’Argentina alla Russia. Ma anche Arabia Saudita, Giappone, Corea del Sud, Cile, Libano, addirittura Pakistan, Sri Lanka e Bangladesh.

Le categorie

Sono undici le categorie previste, con oltre un migliaio di gare di cottura ed abilità, spaziando dalla «pizza in teglia» alla «classica», da quella «in pala» alla «Napoletana Stg»: una categoria, quest’ultima, che sembra stavolta voler rendere omaggio proprio all’arte dei pizzaioli napoletani, in quanto la pizza è stata recentemente proclamata patrimonio culturale dell’umanità Unesco.

«Gusto, aspetto, creatività e velocità sono gli aspetti che vengono maggiormente tenuti in considerazione dai giudici» rileva Graziano Bertuzzo, maestro internazionale della Scuola Italiana Pizzaioli.

«A fare la differenza – precisa – è però la qualità delle materie prime utilizzate: da quella, non si può in alcun modo prescindere». Tra gli ingredienti più ricercati spiccano germogli di porri, asparagi marinati, pesce crudo, vellutata di piselli.

Grande curiosità infine per le gare di larghezza e velocità; per il «Trofeo Heinz Beck – I primi piatti in pizzeria», che prende il nome dal celebre cuoco stellato, e per la «gara a due», che sancisce invece il matrimonio tra la fantasia di uno chef e quella del pizzaiolo.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal