Sei in Archivio bozze

BASKET/STAFF

Rossi: «Salvezza, il nostro scudetto»

16 aprile 2018, 07:01

«Conquistare la salvezza per noi è stato come vincere lo scudetto». Non ci sono mezze misure da parte del coach della Staff Magik Rosa, Rossella Rossi, nel commentare il campionato appena concluso. «Dopo la tempesta della scorsa estate, con la squadra costruita praticamente dal niente in due soli mesi - prosegue - la nostra stagione può considerarsi ottima, perché nonostante tutte le difficoltà incontrate abbiamo raggiunto il nostro obiettivo. Di errori ne abbiamo commessi ma l'esperienza fatta ci aiuterà a crescere e migliorare».

Due i segreti alla base del risultato ottenuto dalla squadra.

«Innanzitutto il pieno sostegno da parte della società che non è venuto meno neanche nei momenti più difficili. Poi l'essere squadra dentro e fuori dal campo. A Puianello, nella partita che ha deciso il campionato, ogni giocatrice si è sacrificata dando il massimo per centrare l'obiettivo comune».

Le statistiche parlano di cinque vittorie su venti gare disputate.

«Nel nostro girone c'erano formazioni decisamente più forti della nostra. All'inizio abbiamo avuto grossi problemi di amalgama per le tante giocatrici nuove e perché al cune ci hanno dovuto lasciare. Poi però ci siamo riprese e nella seconda fase pur perdendo quattro partite abbiamo sempre giocato alla pari con le nostre avversarie».

L'innesto a metà della stagione regolare di Valentina Gardellin è stato però determinante per il salto di qualità.

«Con il suo carisma e la sua esperienza Valentina ha contribuito a dare morale e sostegno alla squadra. Pur fisicamente non al meglio si è gettata nella mischia dando alle compagne quei ritmi e quella sicurezza che nelle prime partite ci erano mancate».

Alla gioia della salvezza si accompagna però anche qualche rammarico.

«La necessità di centrare la salvezza ci ha fatto perdere un po' di vista l'aspetto chiave che è rappresentato dal divertimento. Per me il basket è sempre stato passione pura e così vorrei che fosse anche per le mie squadre. Inoltre le difficoltà incontrate mi hanno impedito di fare giocare le giovani come avrei voluto. Per una società che vanta gruppi dalla categoria libellule all'under 14 è importante dare concretezza all'obiettivo di poter arrivare alla squadra seniores».

Per Rossi questa è stata la prima esperienza alla guida di una formazione seniores.

«Devo ringraziare il presidente Malinverni di avermi dato quest'opportunità. Io che avevo sempre lavorato con le giovanili mi sono dovuta confrontare con un mondo completamente diverso. Personalmente e professionalmente sono cresciuta tantissimo grazie anche al confronto con Fabrizio Donadei e con il mio vice Michele Bonati. Pur allenando, continuo a vivere le partite come quando andavo in campo. Ci penso e ci ripenso, perché la pallacanestro è la mia passione. Ma tra giocare ed allenare c'è una bella differenza». s.m.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal