Sei in Archivio bozze

RISTORAZIONE

Camst, nel 2018 a Parma investimenti per 10 milioni

18 aprile 2018, 07:00

Dieci milioni di investimenti di Camst - La Ristorazione Italiana sono in arrivo sul territorio parmense: è in previsione nel 2018 la costruzione di una nuova cucina centralizzata dotata di attrezzature tecnologiche innovative e sostenibili, in grado di produrre migliaia di pasti al giorno. La struttura sorgerà nella frazione di Vicofertile e impiegherà circa un centinaio di persone.

L'investimento fortifica la presenza sul territorio dell’azienda di ristorazione che, nel 2016, ha portato a termine la fusione con Gesin, cooperativa parmense attiva nel facility, estendendo il proprio raggio di azione anche ai servizi di pulizia e di manutenzione. L’attività di ristorazione rimane quella prevalente per Camst: tra ristorazione collettiva (scuole, ospedali, case di cura e aziende) e commerciale sono circa otto milioni i pasti prodotti ogni anno nella provincia di Parma. I bar e i ristoranti self-service aperti al pubblico, una quindicina dislocati in centri urbani e commerciali, sono ad insegna Magnosfera, Tavolamica e Dal 1945 Gustavo Italiano, il nuovo marchio di Camst per la ristorazione commerciale.

L’azienda, presente con i primi ristoranti sul territorio dagli anni settanta, è stata protagonista di un crescita in termini di fatturato - 80 milioni nel 2017 equamente distribuiti tra clienti pubblici e privati - che ha comportato anche un aumento progressivo dell’occupazione nella provincia di Parma: oggi l’azienda può contare su 1.443 dipendenti. Di questi, circa duecento sono cuochi professionisti e aiuto cuochi a cui si sommano dodici tra dietisti, tecnologi alimentari e nutrizionisti

La collaborazione con Alma, la Scuola Internazionale di Cucina Italiana, va proprio nella direzione di sviluppare progetti che valorizzano la buona cucina italiana. Come ad esempio «La Tavola Buona», realizzato in partnership con GlaxoSmithKline (Gsk) per il suo stabilimento di San Polo di Torrile, che nasce dalla volontà di rispondere alle esigenze di una alimentazione sana e corretta.

Nel 2018 è previsto, come gruppo Camst un fatturato aggregato, in Italia e all’estero, di oltre 750 milioni di euro. Sul territorio parmense la previsione è di consolidare la crescita.

r.eco.