Sei in Archivio bozze

PARMA BASEBALL

400 giocatori in 60 anni di storia

26 aprile 2018, 07:01

Andrea Ponticelli

Da Bruno Cantarelli a Frank Morejon: ecco i magnifici 400 del Parma baseball. Ecco i 400 giocatori che dal 1958 ad oggi hanno indossato in serie A1 la casacca della massima società parmigiana e hanno cementato ognuno più che una storia, una leggenda dello sport conosciuta in tutta Europa.

La storia inizia il 5 giugno 1958. Un'altra coincidenza: quest'anno il baseball di Parma festeggia i sessant'anni nella massima serie, non ininterrotti perché nel 1962 e nel 1963 Parma giocò per due stagioni in B.

Quel 5 giugno di 60 anni fa è un giovedì. Si gioca al Tardini in una giornata che la Gazzetta di allora ci descrive «con un sole che picchia completamente sul campo».

E' la prima partita nella massima serie per la Robur e per il baseball parmense. In inverno la Robur ha preso il posto della Ducale, poi ha presentato domanda di ripescaggio in A accolta dalla Federazione che allora si chiamava Fipab.

Debutto contro la Pirelli Milano, una della squadre allora più in voga. Si dovrebbe giocare alle 10, ma per l'indisponibilità del Tardini a quell'ora la partita viene posticipata alle 14 «in avanspettacolo» (così si legge sulla Gazzetta - n.d.r.) alla partita di calcio juniores tra il Parma e la Spal»: anche questo ci dice cosa fosse il baseball in quei tempi pionieristici.

La Robur inizia in difesa, il primo lancio è affidato a Cantarelli, che poi negli anni Sessanta sarà per parecchie stagioni il manager della squadra.

Nel baseball tutto parte dal monte, per questo Bruno Cantarelli diventa il numero uno nella storia del Parma.

Ma vale la pena ricordare quella prima formazione, fatta di autentici pionieri, guidati come manager dal dentista Monegatti che nel 1949 era stato uno dei fondatori.

Il catcher è Nino Cavalli, in prima Pedrini, in seconda Notari che già immaginava di diventare presidente mondiale, in terza Del Sante, all'interbase Iemmi, come esterni Cocconi, l'americano Mariggiò e Mendoza, un ragazzo del Venezuela all'epoca mai abbastanza elogiato.

Vince Parma 8-5. Inizia così una lunga storia fatta di ben 400 giocatori, con questo traguardo toccato dal catcher cubano schierato venerdì a Nettuno come quarto in battuta: il primo esordiente nel line up dopo i veterani De Simoni, Zileri e Mirabal.

Da Cantarelli a Morejon questi quattrocento magnifici hanno creato una storia di grandi trionfi in Italia e in Europa; di epopee meravigliose targate Germal, Parmalat, World Vision Cariparma; di partite giocate anche davanti a 15 mila spettatori, con ragazzi arrampicati sui pali dei riflettori; di campionati mondiali voluti da Notari; di grandi campioni che abbiamo voluto ricordare nelle classifiche di specialità.

Ma l'emozione più grande fra questi 400 giocatori devono averla provata quei ragazzi, spesso giovanissimi, che hanno giocato una sola partita, e in molti casi per un solo turno in battuta: per un giorno si sono sentiti anche loro campioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA