Sei in Archivio bozze

governo

Martina: "Con M5S passi avanti, ma rimangono differenze. Decisione il 3 maggio"

26 aprile 2018, 13:59

Il Pd riconosce il «passo» di M5s di chiudere il confronto con la Lega, ma «al tempo stesso non nascondiamo le differenze tra noi, è giusto dirlo per serietà e responsabilità». Lo ha detto il segretario reggente del Pd, Maurizio Martina, dopo le consultazioni on il presidente della Camera Roberto Fico.
Se siamo arrivati fino a qui è perchè altri hanno fallito - «Ci interessa dare una mano a questo Paese in una fase delicata della storia istituzionale e politica. Se siamo arrivati fino a qui è perchè altri hanno fallito, per 50 giorni assistito a diversi tentativi che non hanno prodotto un esito utile. Questo lavoro lo facciamo con spirito di servizio e nel solco degli indirizzi dati dal Presidente Mattarella».  Il presidente della Camera e la delegazione dem guidata dal reggente Maurizio Martina, si ritrovano tre giorni dopo l'ultimo incontro. Il Pd ha annunciato che riunirà la sua direzione per valutare la possibile apertura al dialogo con il M5s e la riunione si terrà il 3 maggio. 
Dopo l'incontro con i dem, Fico riceverà il capo politico del suo Movimento, Luigi Di Maio, alle 13. 

Il segretario reggente del Pd Maurizio Martina, uscendo dall’incontro della delegazione Pd con Fico, ha voluto da subito rivolgere «un saluto affettuoso» a Giorgio Napolitano dopo l’operazione al cuore. Ma Martina è anche incappato in un lapsus - correggendosi subito - mandando dapprima il segno di vicinanza di tutto il Pd all’attuale Capo dello Stato: «Ci sia consentito di esprimere anzitutto anche da qui il nostro pensiero e il nostro messaggio affettuoso al presidente emerito Mattarella... - ha detto Martina -. Pardon, al presidente emerito Napolitano. Capite bene che lo vogliamo salutare e abbracciare di cuore e ovviamente salutare e abbracciare con i suoi familiari».