Sei in Archivio bozze

SAN SECONDO

Addio a Maghenzani, fondatore della Cassapanca

07 maggio 2018, 07:00

Paolo Panni

Un uomo operoso e cordiale, che ha profondamente amato la sua terra. San Secondo piange in questi giorni la scomparsa del cavalier Franco Maghenzani, memoria storica del paese coi suoi 91 anni, fondatore dell'associazione «La Cassapanca» di cui è stato per tanti anni presidente (rimanendo in carica fino allo scorso anno) e con la quale ha ideato e promosso per anni il mercatino dell'antiquariato ma anche tanti altri eventi tra cui la «Giornata dei balocchi», «San Secondo Marittima», «Pizza in piazza», «Amarcord» e, in passato, eventi quali la festa dell'uva e «Rocca in fiore». Tanti eventi ideati, voluti e promossi per il bene del paese, per animare la «sua» San Secondo; sempre presente, in prima fila, col sorriso sulle labbra e una battuta pronta per tutti, coinvolgente, carismatico, concreto e generoso. Con la Cassapanca ha tra l'altro portato l'illuminazione sotto agli storici portici di via Garibaldi e ha donato le panchine in via Primo Maggio sul viale che porta al ponte sul San Carlo. Fondatore dell'associazione «Gli amici del cuore» e, negli anni Ottanta, della rinata Pro loco, in passato è stato anche tra le «colonne» della Nautica Torricella e presidente della sezione sci nautico. In possesso del brevetto di istruttore Coni, per molti anni ha avvicinato alla pratica e alla passione per lo sci d'acqua tante persone di tutta la provincia e non solo. A lungo commerciante, di olio prima e di generi alimentari all'ingrosso poi, da giovane, in tempo di guerra, era stato anche staffetta partigiana nella zona della Val Taro, insieme al sansecondino (e amico di sempre) Oreste Assandri, mancato nei mesi scorsi. Poco meno di due anni fa, il 27 agosto 2016, dal sindaco Antonio Dodi e dall'Amministrazione comunale aveva tra l'altro ricevuto il «riconoscimento speciale premio San Secondo» con questa motivazione: «la comunità di San Secondo Parmense con profonda stima e riconoscenza a Franco Maghenzani». In tanti ieri, non appena la notizia della sua morte si è diffusa, ne hanno ricordato l'amore per la sua terra e le qualità umane. Nel ricordarlo sulla propria pagina Facebook, l'associazione «La Cassapanca» ha scritto: «oggi è un momento triste. Triste per noi della Cassapanca, per i figli Gabriella e Giuliano, i nipoti Cristiana, Elisa, Viola e Lorenzo, i pronipoti. E' un momento triste per tutti i sansecondini che perdono una persona gentile, operosa nella vita e nel sociale, uno che ha dato tanto al paese con il sorriso e squisita signorilità. Buon viaggio Cavaliere. Tutti ti siamo riconoscenti per quello che sei stato e che hai fatto. Ti diciamo grazie, ma sorridendo come facevi tu». Questa sera alle 20.30 sarà recitato il rosario nella collegiata di San Secondo. Le esequie si terranno invece domani alle 9.45, partendo dall'abitazione di via Vitali Mazza alle 9.45.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal