Sei in Archivio bozze

Traversetolo

Guardasone piange «il Biondo»

07 maggio 2018, 07:01

TRAVERSETOLO

Dante Mantovani aveva 62 anni, una moglie, due figlie e tre nipoti per cui viveva, e amici che vedevano in lui un punto di riferimento e un compagno immancabile: se n'è andato troppo presto dalla sua Guardasone, lasciando ora un grande vuoto che solo il ricordo del suo sorriso può lenire. Dante Mantovani era nato nel maggio del 1955 a Guardasone di Traversetolo, la frazione che non avrebbe mai abbandonato e a cui era fortemente legato. Era nato insieme a suo fratello gemello, Eugenio detto «il Moro» per via dei capelli e occhi neri, mentre lui, Dante dai capelli chiari e gli occhi azzurri, è sempre stato «il Biondo». L'incontro con l'amata Rosaria risale a quando Dante aveva 16 anni, e lei, ragazza traversetolese, non più di quattordici: era stato da subito un amore di quelli che restano, l'amore della vita, tanto che da allora sono iniziati quarant'anni di vita insieme, da fidanzati e poi da marito e moglie, lavorando anche insieme. Il matrimonio tra Dante e Rosaria era stato festeggiato il 1° ottobre del 1977, e l'anno dopo è arrivata la prima figlia, Barbara, seguita nel 1983 da Laura.

Dopo aver lavorato per alcuni anni da tornitore meccanico, Dante aveva in seguito iniziato insieme a Rosaria l'attività di tappezziere che avrebbe sempre svolto con la passione e la disponibilità che lo contraddistingueva. Calciatore abilissimo, aveva giocato nel Bannone e poi nel Basilicagoiano, il paese dove si trovava da anni con la compagnia di amici inseparabili: lui, Gianfranco, Corrado, Claudio «il Cacio», Francesco e Pier erano sempre insieme tra feste, viaggi, scherzi e matrimoni. Come un «amico fraterno» lo ricorda Gianfranco: «Era quel tipo di persona che ti fa desiderare di essere come lui», da invidiare, per i valori personali che portava con sé e dimostrava».

Negli ultimi anni, dopo aver appeso le scarpette al chiodo, Dante si era dedicato al ballo insieme all'amata Rosaria. Nel frattempo la sua adorata famiglia si è allargata accogliendo tre nipoti. Per loro era un nonno speciale e affettuoso. La famiglia di Dante ringrazia tutti gli amici che sono stati loro vicino.

L'ultimo saluto a Dante Mantovani si terrà oggi alle 15 partendo dalla sala del commiato di Traversetolo per la chiesa del paese. M.F.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal