Sei in Archivio bozze

CULTURA

Una nuova biblioteca a Villa Ghidini

10 maggio 2018, 07:02

Gian Luca Zurlini

Una nuova biblioteca all'interno di una struttura nuova di zecca realizzata sulla superficie dove oggi sorge la «vecchia» Villa Ghidini, danneggiata dal terremoto del 2012 e destinata a essere demolita.

E' l'opera che verrà realizzata nei prossimi anni dal Comune nel quartiere Montanara a fianco del cinema teatro Edison e del distretto del Cinema grazie a un finanziamento da 2 milioni di euro ottenuto dal Governo nell'ambito dei progetti presentati per la riqualificazione delle periferie per i quali Parma ha ottenuto complessivamente 18 milioni di euro.

L'INCONTRO E L'IDEA

Questa sera alle 21 ci sarà un incontro pubblico aperto ai cittadini in cui il sindaco Federico Pizzarotti e gli assessori ai Lavori pubblici Michele Alinovi e alla Cultura Michele Guerra illustreranno lo stato dell'arte del progetto e raccoglieranno eventuali ulteriori input prima di arrivare alla stesura del progetto esecutivo che prelude all'appalto. Ed è proprio Alinovi a spiegare la filosofia alla base del progetto di Villa Ghidini: «L'idea prende il via dalla strategia che abbiamo pensato nella passata amministrazione del Piano periferie che tende a migliorare la qualità dei nostri quartieri in termini di visibilità, relazioni sociali e luoghi di aggregazione dedicati alla cultura e allo sport. E a Villa Ghidini siamo partiti con l'idea di una nuova biblioteca-mediateca che andrà a completare la rivitalizzazione di quella zona avviata dall'Edison e portata avanti con il Distretto del Cinema».

LE CARATTERISTICHE

Dopo le premesse Alinovi illustra il progetto: «Il vecchio edificio sarà demolito e ne sarà realizzato uno tutto nuovo su tre livelli che manterrà però le caratteristiche estetiche della villa padronale. L'edificio nuovo consentirà di avere una struttura a consumo passivo di energia e dotato di strutture e supporti tecnologici all'avanguardia e totalmente accessibile ai disabili. Complessivamente la superficie sarà di 730 metri quadrati e ci sarà anche un ponte vetrato di collegamento con il distretto del cinema. Il costo, di 2 milioni di euro, è finanziato dallo Stato e contiamo di arrivare a completarlo tra fine 2020 e inizio 2021».

L'UTILIZZO CULTURALE

L'assessore alla Cultura Michele Guerra sottolinea che «sarà una biblioteca che si aggiungerà al sistema delle biblioteche comunali e si caratterizzerà per l'elevata dotazione di supporti audio-video, oltre che cartacei, in sinergia con il vicino distretto del Cinema. E sarà una biblioteca rivolta a tutte le fasce di età. La novità è che, oltre all'archivio di libri e supporti, vorremmo che diventasse un luogo generatore di eventi e di incontri. Sottolineo infine che non agirà in concorrenza, ma anzi in collaborazione con la realtà della “Baia del re”».

E' Alinovi a concludere con un auspicio: «Riteniamo che la «nuova» Villa Ghidini possa diventare un esempio positivo di quella rigenerazione urbana, anche in termini di sicurezza, che è alla base dei nostri progetti per le periferie».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal