Sei in Archivio bozze

RAPINE

Scippò due anziane nel giro di 48 ore, condannato a 4 anni

15 maggio 2018, 07:00

Rapinatori in trasferta. Con una stanza in un alberghetto alle porte della città. E con l'obiettivo preciso di «ottimizzare» il poco tempo a disposizione. Così, nel giro di 48 ore, nel settembre del 2014, avevano messo a segno due scippi. Zone completamente diverse, ma le vittime prescelte, neanche a dirlo, pensionate, a cui strappare i collier in oro. Dei due complici, uno - albanese, 32 anni - è stato condannato a 4 anni, oltre che al pagamento di 1.500 euro di multa, mentre per l'altro (un ventenne piacentino), si è proceduto separatamente nei mesi scorsi. Dopo essere rimasto in cella per poco meno di tre mesi, dallo scorso marzo lo straniero ha ottenuto i domiciliari. Il tribunale ha anche disposto che, una volta espiata la pena, venga espulso dal territorio italiano.

Scippatori veloci nell'entrare in azione, ma anche senza tanti scrupoli. In particolare, il 32enne albanese aveva bloccato la pensionata in via Micheli, nel quartiere San Leonardo, afferrandola alle spalle mentre stava per aprire il cancello di casa, e poi l'aveva scaraventata a terra. Delle due collane che la donna, allora 79 anni, aveva al collo, solo una aveva preso il volo insieme al rapinatore, mentre l'altra era finita a terra. Come la donna, spinta violentemente sull'asfalto. Una caduta terribile, tanto da causarle la frattura del bacino, oltre a una miriade di contusioni. E per l'albanese, oltre all'accusa di rapina, era scattata anche quella di lesioni aggravate.

Ma 48 ore prima i due complici erano entrati in azione insieme. A farne le spese, una pensionata sulla settantina che stava rientrando a piedi a casa, in viale Piacenza. Molto probabilmente, i rapinatori avevano pedinato per un po' la donna, per poi aggirarla all'improvviso e aggredirla. Era stato l'albanese a fare da «palo», poi la donna era stata afferrata e spinta contro un albero. Il complice italiano aveva tenuto la mano premuta sul collo della pensionata, terrorizzata da quell'agguato in pieno giorno. Era stato facilissimo strapparle il collier d'oro e fuggire lasciando la donna impietrita. Tanta paura, ma almeno nessuna lesione dopo quell'incontro ravvicinato sulla strada di casa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal