Sei in Archivio bozze

FIDENZA

A tu per tu con il capolavoro dell'Antelami

19 maggio 2018, 07:00

EGIDIO BANDINI

Del ritorno della Maestà antelamica al Museo del Duomo di Fidenza abbiamo riferito nei giorni scorsi. Oggi la Diocesi borghigiana, nella persona di Alessandra Mordacci, direttrice del Museo, sta organizzando iniziative per far conoscere da vicino l'importante capolavoro.

Tra queste un ciclo di visite guidate a tema, impreziosite da momenti musicali, anch'essi a tema mariano.

«Non un concerto – dice la dottoressa Mordacci - solo alcuni brani di musica antica, coerenti per epoca e dedicazione alla Vergine Maria. La prima visita si svolgerà domani con inizio alle 16,30. E sarò io stessa – continua la direttrice – a condurre la visita per illustrare, oltre alla scultura antelamica, i tesori medievali e rinascimentali che il Museo custodisce. La musicista Maria Caruso, voce e arpa gotica, eseguirà alcuni brani del repertorio mariano medievale come “Ave Maris Stella”, “Alma Redemptoris Mater”, “Salve Regina” e dalle “Cantigas de Santa Maria”, tra i documenti più importanti della poesia religiosa d'Europa e, in particolare, della Spagna.

«Furono raccolte, queste ultime – sottolinea la Mordacci - nel XIII secolo alla corte di Alfonso X il Saggio, re di Castiglia e di Leòn. Le poesie che compongono tale corpus sono più di 400 e riprendono racconti popolari, leggende, storie di pellegrini, nelle quali fondamentale è la figura della Vergine Maria, che interviene nelle varie situazioni per portare giustizia, aiuto e amore a chi la prega e la esalta. Le cantigas possono essere di due tipi: le più numerose narrano miracoli della Vergine e hanno un ritmo vivace che si presta anche alla danza sacra, in uso presso i santuari per alimentare la gioia pur in mezzo alle penitenze. Il secondo tipo, denominato “le loor” (di lode), comprende preghiere i cui testi utilizzano immagini preziose per indicare la Vergine: “stella”, “cammino”, “luce”, “rosa” e il loro ritmo è più dolce e delicato».

Una seconda visita guidata, con interventi musicali di Maddalena Scagnelli, si svolgerà domenica 3 giugno e altre visite proseguiranno fino all'autunno. Le visite con musica sono gratuite. A carico dei visitatori unicamente il costo del biglietto d'ingresso al museo.

È consigliata la prenotazione telefonando al Museo 0524/514883 o allo Iat Casa Cremonini 0524/83377. Via mail a: iat.fidenza@terrediverdi.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal