Sei in Archivio bozze

Borgotaro

La bomba nel Taro, riunione in prefettura

22 maggio 2018, 07:00

LORENZO BENEDETTI

Giace ancora immobile sul greto del Taro il residuato bellico rinvenuto da alcuni passanti nell’acqua alla fine di marzo a Borgotaro e rivelatosi una bomba di aereo di probabile fattura americana, risalente agli anni 1944-45: durante l’ultima fase della Seconda guerra mondiale la Valtaro fu infatti bersaglio di imponenti bombardamenti alleati che miravano soprattutto a interrompere le principali vie di comunicazione e il ponte della ferrovia, meglio noto in paese come Ponte di ferro, era un obiettivo primario.

«Ieri mattina abbiamo partecipato a una riunione in prefettura: abbiamo chiesto che la rimozione dell’ordigno venga eseguita il più presto possibile – spiega il sindaco di Borgotaro Diego Rossi –: i tecnici dell’Esercito ci hanno comunque rassicurato che non vi sono pericoli per la popolazione fino a quando la bomba resta nell’attuale posizione. L’amministrazione ha provveduto a delimitare e transennare la zona e raccomandiamo ovviamente a tutti di non avvicinarsi al reperto».

Il residuato bellico inesploso si trova in un punto in cui l’acqua del fiume è meno profonda, vicino all’argine che costeggia la pista ciclabile, molto frequentata dai borgotaresi, nei pressi di diverse abitazioni e poco distante dal centro del paese: «Non ci è stata ancora comunicata una data certa in cui avverranno la rimozione e il disinnesco della carica – continua il primo cittadino –: sarà sicuramente una domenica, per facilitare le operazioni di evacuazione e messa in sicurezza del centro abitato sulle distanze che l’Esercito ci indicherà. Daremo comunque ampio preavviso con le opportune comunicazioni alla cittadinanza». Nel frattempo gli artificieri stanno effettuando ulteriori approfondimenti per valutare le migliori modalità di gestione dell’ordigno.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal