Sei in Archivio bozze

Oltretorrente

Passante segue e fa arrestare un ladro

23 maggio 2018, 07:03

LUCA PELAGATTI

«Perché l'ho seguito e l'ho fatto arrestare? Perché non ci si può sempre voltare dall'altra parte, perché non è giusto fare finta di nulla. Perché è giusto che ciascuno faccia la propria parte».

Giuseppe Masetto ha 37 anni e da quando abita a Parma ha sempre vissuto in Oltretorrente. E proprio in quel quartiere, per due volte in poche ore, si è trovato davanti un ladro. Ora il balordo è in manette. Ed è proprio grazie a lui.

«Sabato pomeriggio mentre tornavo a casa ho visto un tale in piazzale Picelli con uno zainetto in spalla che cercava di aprire un'auto in sosta - spiega Masetto che è anche membro del Consiglio dei cittadini volontari dell'Oltretorrente. - All'inizio non ci ho fatto caso perché pensavo potesse essere la sua. Ma quando ho visto che lo stesso gesto lo ripeteva con altri mezzi ho capito che c'era qualcosa di molto strano. E mi sono messo a seguirlo».

Molti altri, probabilmente, avrebbero applicato la regola sempre più di moda del «fatti i fatti tuoi». Masetto invece ha iniziato un discreto pedinamento. E con il telefono ha chiesto aiuto.

«Quel tale continuava a camminare provando le portiere delle auto in sosta e, tra l'altro, ha testato anche la mia. Io nel frattempo ho chiamato la polizia municipale chiedendo l'intervento di una pattuglia. Ma non c'era una squadra disponibile e così, auto dopo auto, il ladro ha proseguito verso piazzale Santa Croce quando ad un certo punto ha trovato una Jaguar con il finestrino abbassato. E si è infilato dentro».

Se abbia prelevato qualcosa non è dato sapere perché il 37enne, che era impegnato al telefono, per un attimo l'ha perso di vista. E il balordo è riuscito ad allontanarsi.

«Ci sono rimasto molto male, avrei voluto che venisse fermato dalle forze dell'ordine», è il commento di Masetto che a quel punto, amareggiato, immaginava, di non vedere mai più quel volto. «Ed invece la sorpresa: lunedì pomeriggio stavo rientrando a casa e me lo sono trovato davanti. Era vestito praticamente nello stesso modo, con lo stesso zainetto. E soprattutto continuava a cercare di aprire le auto in sosta»

In un caso il ladruncolo era stato fortunato. Ma anche la stella di chi vive rubando ogni tanto si distrae. Soprattutto quando qualcuno si mette di impegno per farla inciampare.

«Ho ripreso a seguirlo e quello ha ripercorso la stessa strada di due giorni prima e con lo stesso ritmo: ogni portiera un tentativo. E intanto si dirigeva verso piazzale Santa Croce. Io ho chiamato i carabinieri e ho spiegato cosa stesse succedendo chiedendo che inviassero una pattuglia che è arrivata poco dopo. Il tempismo è stato perfetto. L'auto infatti, con a bordo due carabinieri della stazione Parma Oltretorrente è piombata sull'uomo, che nel frattempo era arrivato in viale Pasini, proprio mentre stava uscendo da una Ford Fiesta da cui aveva appena rubato due paia di occhiali di un certo valore.

Il ladro è stato quindi portato in caserma dove è stato arrestato per furto aggravato: si tratta di un napoletano 60enne, residente a Parma e con una lunga lista di precedenti alle spalle.

«Così come mi era dispiaciuto che mi fosse sfuggito la prima volta sono soddisfatto del fatto che alla fine paghi per i suoi reati - è la conclusione del testimone. - Io ho avuto questa educazione, sono un ex militare e penso che la giustizia debba essere garantita. E soprattutto occorre che ognuno tenga gli occhi ben aperti. Senza mai girarsi dall'altra parte».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal