Sei in Archivio bozze

Scuola

Trasferimento, infuocata assemblea alla Albertelli

05 giugno 2018, 07:00

LUCA MOLINARI

Partecipatissima e infuocata riunione ieri sera alla scuola Albertelli di via Newton, in vista dei lavori all’immobile al conseguente spostamento di 286 bambini appartenenti a 12 classi nei locali dell’ex Collegio Europeo in borgo Rodolfo Tanzi e di una classe all’istituto Zerbini di San Prospero.

L’incontro è stato organizzato dall’Amministrazione comunale e dalla dirigente scolastica Elisabetta Botti per spiegare come verrà effettuato lo spostamento. Tantissime le domande poste dai genitori all’assessora alla Scuola Ines Seletti e alla dirigente. Alla riunione hanno partecipato anche il sindaco Federico Pizzarotti, l’assessore ai Lavori Pubblici Michele Alinovi, diversi dirigenti comunali e consiglieri di minoranza. «Abbiamo optato per questa soluzione per preservare la continuità didattica della scuola – ha esordito Ines Seletti -. Nove classi saranno trasferite a settembre negli ex locali del Collegio Europeo. Altre tre classi arriveranno invece a novembre, una volta messi a norma altri spazi che ospiteranno anche la mensa e i laboratori. Una classe invece sarà ospitata all’istituto Zerbini di San Prospero. Per tutti gli alunni sarà garantito il trasporto gratuito a carico del Comune».

A creare le maggiori perplessità, tra i genitori, l’impossibilità di avere la mensa prima di novembre e di dover erogare i pasti nelle classi attraverso monoporzioni calde. Per quanto riguarda l’educazione fisica verrà utilizzata la palestra Parmigianino in piazzale Rondani, ma è previsto anche uno spazio per effettuare ginnastica direttamente sul posto in caso di necessità. E’ stato quindi spiegato che i lavori all’Albertelli dureranno due anni e saranno divisi in due stralci, per una spesa complessiva di 6,4 milioni di euro. «Il primo stralcio sarà pronto entro l’estate – ha spiegato Alinovi – Per gli alunni delle medie che rimarranno nel plesso sarà garantita l’insonorizzazione e ridotti al minimo i disagi di questo grosso cantiere».