Sei in Archivio bozze

IL CASO

Fidenza, «nessun profugo nella casa di via XXIV Maggio»

17 giugno 2018, 07:02

«Niente profughi nella casa di via XXIV Maggio, al civico 5, all’incrocio con via Gramsci, che non rientra tra le strutture messe a disposizione dai candidati alla gestione del servizio. Lo stabilisce, con certezza, il bando 2018 della Prefettura riguardante i richiedenti asilo, grazie al quale la Prefettura sta ultimando la procedura per individuare gestori e strutture per richiedenti asilo (Cas). Lo si può leggere nel sito istituzionale della Prefettura, dove compaiono coloro che si sono candidati ad accogliere, i verbali di valutazione e coloro che sono stati esclusi. E’ uscita infatti la graduatoria del bando provinciale».

Ad annunciarlo è il sindaco Andrea Massari che aggiunge, a conferma di quanto già spiegato in Consiglio comunale nell’autunno scorso, che quell’immobile non presentava (e non presenta ancora oggi) le condizioni di agibilità, oltre a non essere, né allora né oggi, candidato da nessuno ad ospitare profughi. Proprio la casa di via XXIV maggio, verso la fine dello scorso anno, era finita nel mirino di Rete civica con un’interrogazione che sollevò diverse polemiche.

Prosegue Massari: «Da settimane, però, in città continuano a circolare insistenti voci, secondo le quali i migranti potrebbero trovare accoglienza lì. Non sarà così. Perché nessuno ha inserito, né nel 2017 né ora, quell’abitazione tra le strutture offerte ad accogliere». Le voci riguardano anche la proprietà di quell’abitazione, attribuita all’assessore ai Lavori Pubblici Davide Malvisi, il quale categoricamente smentisce: «Non è mio costume, né abitudine di questa amministrazione, intervenire sulle leggende metropolitane. Ma si è creato un pericoloso passaparola in città, con accuse pesantissime e del tutto infondate, riguardanti la mia figura. Vengono associati il mio nome e quello del sindaco all’utilizzo “improprio” di quell’abitazione e alla sua proprietà. Non arriveranno i migranti: lo dice la Prefettura. E quella casa non è mia. Le voci fatte circolare sono state legate a vicende personali e private che non sarebbe nemmeno mio compito smentire. Senonchè abbiamo un preciso ruolo per quanto riguarda il rapporto con i fidentini: raccogliamo i loro dubbi, i loro problemi, le loro segnalazioni e rispondiamo con trasparenza e veridicità. L’abitazione di via XXIV maggio non è ancora agibile e comunque non ospiterà alcun richiedente asilo».

Tornando sulla vicenda personale, Malvisi aggiunge: «Siamo purtroppo alla calunnia: si alimentano dicerie coscientemente false, attribuendo a me e al sindaco colpe che non abbiamo e mettendo in gioco la nostra reputazione. Mi attribuiscono la proprietà di quell’abitazione e un tentativo di speculazione. Quella casa, non sarei tenuto a dirlo ma ci tengo per onorare anche la memoria di mio papà, era di mio padre e fu venduta circa 13 anni fa (ho il rogito). Il resto sono falsità e menzogne. Alcuni “balordi” alimentano queste voci assurde e infondate? Sarebbe molto più utile concentrarci tutti sui problemi della città anziché creare facili allarmismi sociali, giocando in maniera spregiudicata e non corretta su “presunte voci che circolano” (o che qualcuno fa circolare)».

Sempre dal sito della Prefettura emerge che gli attuali diciassette profughi ospitati all’ex Hotel Ariston/Irish Pub sulla via Emilia presto dovranno andarsene da lì, in quanto questa struttura è stata esclusa dal bando 2018.

r.c.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal