Sei in Archivio bozze

Sicurezza

Polizia municipale, più interventi ma organico ridotto

18 giugno 2018, 07:03

I cittadini pretendono maggiore sicurezza, perché per mille ragioni le città sono percepite sempre più spesso come luoghi poco confortevoli, quasi minacciosi. Le richieste di protezione e di controllo del territorio, fino a pochi anni fa indirizzate quasi esclusivamente ai carabinieri e alla polizia di Stato, ora sono rivolte anche agli agenti della Polizia municipale che, da semplici vigili, si sono dovuti far carico anche dell'ordine pubblico. L'aumento del carico di lavoro si scontra però con la scarsità di personale ormai cronica, come è stato fatto notare nei giorni scorsi durante la celebrazione del 197° anniversario dalla fondazione del corpo della polizia municipale.

Personale ridotto

«Per ottenere i risultati che ritengo soddisfacenti si è dovuto lavorare, in presenza della diminuzione dell’organico, soprattutto sulla migliore organizzazione e sull’acquisizione di idonee tecnologie», ha ricordato la comandante Donatella Signifredi, durante le celebrazioni che hanno visto anche la premiazione degli agenti più meritevoli. Fra questi, oltre ai nomi già pubblicati domenica, va ricordato il sovrintendente Rino Ramploud, per le sue indagini contro il maltrattamento degli animali e la diffusione dei «bocconi killer».

La Signifredi ha inoltre sottolineato che «la sfida è saper motivare il personale», ma «a fronte del sempre maggiore sforzo richiesto agli operatori, i contratti di lavoro, da tempo, non consentono nessuna valorizzazione economica». Tradotto, cresce il carico di lavoro mentre lo stipendio resta sempre lo stesso.

Compiti confusi

Un'altra criticità vissuta da chi ogni giorno deve fare i conti con i problemi della città è legata alla poca chiarezza con cui le leggi, a livello nazionale, definiscono i compiti della municipale. «Il comando - ricorda Donatella Signifredi - ha tenuto sempre presente l’importanza delle risorse umane lavorando per superare ogni criticità pur a fronte di un quadro normativo che non consente di individuare con precisione le attribuzioni della Polizia municipale».

I controlli congiunti

«Rimarchiamo il ruolo di polizia di prossimità che la Polizia municipale deve assumere sempre più come propria caratteristica peculiare - prosegue la comandante nella sua relazione - per evidenziare in maniera ancora maggiore la vicinanza alla gente, la disponibilità a relazionarci con la cittadinanza e la capacità di infondere nel cittadino quella percezione di vivere in una città sicura, resa tale dal lavoro sinergico delle forze dell’ordine presenti sul territorio».

Il collega scomparso

Donatella Signifredi ha ricordato Ferdinando Pizzelli, scomparso di recente, in quanto «ha rappresentato in modo esemplare la figura del vigile urbano a difesa dei poveri, dei deboli e di chi aveva bisogno».

P.Dall.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal