Sei in Archivio bozze

ROCCABIANCA

Sventata la truffa del falso resto. Coppia allontanata

20 giugno 2018, 07:00

PAOLO PANNI

ROCCABIANCA Operazione congiunta dei carabinieri e della polizia municipale di Roccabianca che, in questi giorni, hanno allontanato due persone, specialiste in truffe ai danni di negozi.

Determinanti, al fine di intercettarli, sono state le immagini registrate dalle telecamere Ocr posizionate all'altezza di Ragazzola, lungo la strada provinciale.

I due, un uomo e una donna di origine romena residenti a Piacenza, hanno una lunga sfilza di precedenti specifici e nei giorni scorsi, per le loro «scorribande» hanno scelto la Bassa Parmense, introducendosi negli esercizi commerciali di diversi comuni, mettendo sempre in atto il solito copione, quello della cosiddetta truffa del falso resto. approfittando in particolare dei momenti di confusione-

Con questo metodo allungavano banconte da 50 o 100 euro al malcapitato commerciante di turno e, con abili mosse, riuscivano a riprendersele sostenendo però di aver pagato e chiedendo il resto.

In qualche caso c'è chi è caduto nella trappola, in altri casi no, specie chi, grazie alle le immagini delle videocamere a circuito chiuso, è riuscito a dimostrare il tentato imbroglio allontanandoli.

Agli uomini dell'Arma sono giunte diverse segnalazioni e, nel pomeriggio di lunedì, la presenza dei due truffatori è stata di nuovo segnalata.

A «pizzicare» la loro auto, una Fiat Punto bianca, sono state le telecamere Ocr posizionate a Ragazzola.

A quel punto i carabinieri di Roccabianca, agli ordini del maresciallo Maurizio Ampollini, sono entrati in azione, con la collaborazione della polizia municipale del borgo rivierasco, individuando la coppia mentre, in un pubblico esercizio della zona, giocava alle slot (per altro con ingenti cifre).

I due sono stati fermati e, nei loro confronti, sono state avviate le procedure per il foglio di via che li terrà lontani dal comune di Roccabianca per i prossimi tre anni.

Nel frattempo proseguono le indagini al fine di accertare le loro responsabilità rispetto a truffe avvenute di recente nella Bassa (chi le avesse subite è invitato a mettersi in contatto coi carabinieri), per poi procedere con le conseguenti denunce all'Autorità giudiziaria.

Il sindaco Marco Antonioli ha tenuto a evidenziare che «ancora una volta, grazie alla collaborazione tra forze dell'ordine, è stato possibile, con l'ausilio della videosorveglianza, individuare malviventi e porre in essere azioni preventive. Questi impianti, dopo l'uscita da Terre Verdiane, sono stati potenziati dall'amministrazione comunale con Ocr anche a Fontanelle e a breve posizioneremo nuove telecamere, di comune accordo con le forze dell'ordine, per migliorare la sicurezza stradale e il controllo del territorio».

Antonioli ha anche fatto sapere che in questi giorni si è tenuto, con i tecnici della Provincia, un sopralluogo sul famigerato incrocio di Ragazzola tra la provinciale Cremonese e quella per Soragna (teatro di un gran numero di incidenti), al fine di realizzare al più presto interventi per migliorarne la sicurezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal