Sei in Archivio bozze

IL CASO

Sala, piazza Gramsci non cambia nome

21 giugno 2018, 07:00

CRISTINA PELAGATTI

SALA BAGANZA

«Per me si tratta della prima esperienza di comando, nonostante abbia girato tutta Italia dal sud al nord, qualsiasi esigenza abbiate, non abbiate remore a venire in caserma o a contattarmi»: con la presentazione del maresciallo Dino Romano, dal 30 aprile comandante della stazione dei carabinieri di Sala e Felino, che proprio in questi giorni sta ultimando con la sua famiglia il trasloco, diventando a tutti gli effetti cittadino salese, si è aperta la seduta del consiglio comunale salese.

Durante il consiglio dibattito movimentato sulla mozione presentata dal gruppo «Cambiamo Sala Baganza» per cambiare il nome di Piazza Gramsci, intitolandola a Donella De Rossi.

«Presentiamo la mozione in tema di parità di genere e in ricordo di un gesto eroico di una grande donna che ha contribuito alla costruzione della Rocca», ha spiegato la capogruppo Tiziana Azzolini ricordando la storia di Donella de Rossi, ispiratrice dell'ampliamento della Rocca, che uccise il cugino salvando il maniero dal saccheggio.

«Chiediamo che l'attuale piazza Gramsci sia dedicata a Donella De Rossi, e ad Antonio Gramsci venga dedicato il luogo dove ora viene ricordata Donella De Rossi».

il consigliere di Cambiamo Sala Baganza Sandra Mari ha aggiunto: «Non vogliamo togliere nulla alla grandezza filosofica di Gramsci che io apprezzo profondamente. Ma il nome di Donella De Rossi dovrebbe stare nella piazza della Rocca, che ha costruito col marito e che ha protetto con un atto eroico, ancora più significativo visto quanto erano considerate le donne nel Medioevo».

La mozione è stata respinta con i voti contrari della maggioranza. La capogruppo Giulia Alfieri ha motivato il voto sfavorevole sottolineando che «nonostante l'indiscutibile importanza di Donella De Rossi per la storia della Rocca, non è l'unica ad aver contributo. Anche Barbara Sanseverino e Maria Luigia sono di grande importanza. Inoltre non è facile cambiare nome a una via o a una piazza. Innanzitutto serve l'autorizzazione del prefetto. Poi bisogna considerare i disdagi per gli abitanti e le aziende del luogo».

Il consigliere di maggioranza Pietro Mariani ha fatto presente l'affetto dei salesi per «una piazza «che i nostri nonni hanno voluto intitolare a Gramsci, a futura memoria».

Durante la seduta il consigliere Tiziana Azzolini è stata nominata come rappresentate salese in seno al Consiglio dell'Unione Pedemontana in sostituzione di Fabio De Pietri, dimessosi nei mesi scorsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal