Sei in Archivio bozze

Monticelli

Truffa dello specchietto: nomade denunciato

21 giugno 2018, 07:02

NICOLETTA FOGOLLA

Un giovane nomade italiano, senza fissa dimora, dovrà rispondere di tentata truffa e danneggiamento.

L’uomo è stato denunciato nei giorni scorsi, dai Carabinieri della Stazione di Monticelli Terme, per aver messo in atto a scopo estorsivo il vecchio «trucco» dello specchietto laterale dell’autovettura rotto, ai danni di una pensionata residente a Monticelli Terme. L’episodio, avvenuto a Montecchio Emilia, risalirebbe a qualche settimana fa ma, all’individuazione della persona denunciata, si sarebbe arrivati dopo una serie di indagini. Secondo le informazioni raccolte la pensionata presa di mira dal malintenzionato si trovava al volante della sua automobile, quando ha sentito una botta allo specchietto laterale. Due persone, tra cui quella denunciata e un’altra non ancora identificata, che viaggiavano a bordo di un’altra autovettura, le avrebbero fatto cenno di fermarsi. Chiaramente dopo aver rotto volutamente lo specchietto con un sasso. La donna si sarebbe fermata e i due l’avrebbe accusata, con modi intimidatori, d’aver urtato il loro mezzo. Ovviamente allo scopo di estorcerle del denaro. A quel punto la pensionata avrebbe detto di voler chiamare i Carabinieri, provocando uno scatto d’ira da parte dei due malintenzionati, che se ne sarebbero poi andati, scocciati. In seguito la donna ha sporto denuncia dell’accaduto alle Forze dell’Ordine del paese termale, guidate dal Comandante Ugo Travaglini. Ha fornito l’identikit dei due malintenzionati e la targa dell’automobile sulla quale viaggiavano, dagli accertamenti effettuati tramite la banca dati nazionale, risultata poi intestata alla madre di uno dei due. Successivamente, grazie ad uno specifico album fotografico, la pensionata ha individuato il giovane senza fissa dimora denunciato, il quale vanta al suo attivo numerosi precedenti penali. I Carabinieri di Monticelli Terme colgono l’occasione per raccomandare ai cittadini di stare attenti a questi «falsi» incidenti che, in realtà, celano l’intenzione di estorcere del denaro alla gente, anche attraverso degli atteggiamenti intimidatori. Invitano, inoltre, eventuali «vittime» di azioni del genere, a chiamare immediatamente il 112.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal