Sei in Archivio bozze

Via Emilia

Addio a Il Moro, appassionato di Vasco e della Juve

02 luglio 2018, 07:01

Addio a Il Moro, appassionato di Vasco e della Juve

PIERLUIGI DALLAPINA

Sull'asfalto, ieri mattina, restavano solo i segni rossi tracciati con lo spray per descrivere la traiettoria impazzita della moto, prima che si andasse a schiantare contro le barriere protettive ai lati del ponte sull'Enza, a pochi metri di distanza dal confine invisibile tra le province di Parma e Reggio Emilia.

Nello schianto, avvenuto verso le 2 di domenica notte, ha perso la vita Stefano Moretti, da tutti conosciuto come «Il Moro», un uomo dall'aspetto gioviale di 37 anni che viveva a Taneto di Gattatico, cioè a pochi chilometri di distanza dal luogo dell'incidente mortale.

L'uomo, che stava percorrendo la via Emilia diretto verso Parma, era in sella alla sua moto quando, una volta superata la curva che sale leggermente verso il ponte, ha perso il controllo della Suzuki 1000, andando a sbattere violentemente contro le barriere di protezione poste ai lati della carreggiata stradale.

L'urto è stato talmente tanto violento da scaraventare il 37enne oltre la protezione, facendogli compiere un volo di una decina di metri che, con ogni probabilità, gli è stato fatale.

Il corpo di Stefano Moretti è infatti precipitato - stando alla prima ricostruzione della dinamica dell'impatto - nella parte di greto del torrente occupata dal vivaio Attilio Neri.

A nulla sono servite le operazioni di rianimazione eseguite dai sanitari del 118 partiti da Reggio Emilia e allertati da alcuni automobilisti di passaggio che si erano resi conto della gravità dello schianto.

Sul posto sono arrivati anche i carabinieri di Brescello, insieme ad una pattuglia dei colleghi della caserma di Poviglio, per cercare di ricostruire il perché Moretti abbia perso il controllo della motocicletta.

Stando ad una prima versione dei fatti, pare che l'uomo abbia fatto tutto da solo, in quanto ai militari non risultano essere coinvolti altri veicoli. Vista l'ora - come scritto, erano le 2 di notte - le operazioni di soccorso e di rilievo non hanno reso necessaria la chiusura della strada al traffico, anche se sull'incidente la procura di Reggio ha aperto un'inchiesta.

Sulla pagina Facebook di Moretti, autotrasportatore dipendente di un'azienda di Sant'Ilario d'Enza, la Bertani Trasporti, sono molti i messaggi di cordoglio per la perdita di un uomo descritto come gioviale, sorridente e appassionato del suo lavoro.

Forse non è un caso che sul proprio profilo «Il Moro», oltre alla sua foto, abbia pubblicato l'immagine del nuovo camion, uno Scania, utilizzato per lavorare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal