Sei in Archivio bozze

Tragedia

Mor e Zakaria, è l'ora della solidarietà

06 luglio 2018, 07:00

Mor e Zakaria, è l'ora della solidarietà

Michele Deroma

SORAGNA - L’amministrazione comunale di Soragna ha attivato una raccolta di fondi a sostegno delle famiglie di Zakaria Sabbar e Mor Talla Seck, i due diciassettenni di Soragna tragicamente annegati domenica scorsa nelle acque del Po.

La giunta soragnese ha deliberato proprio nella mattinata di ieri l’apertura del conto corrente istituzionale, con l’obiettivo di «sostenere le famiglie nelle spese funerarie e necessarie al trasferimento delle salme nei relativi Paesi d’origine». Lo stesso conto corrente, acceso presso la tesoreria comunale e denominato «Comune di Soragna - famiglie colpite dalla perdita dei due figli minori», sarà attivo sino al prossimo 6 agosto, con il seguente codice Iban: lT24H0623065940000035882418.

I fondi in esso devoluti, come precisa la delibera di giunta, saranno successivamente suddivisi tra i due nuclei familiari, a cui l’amministrazione assegnerà inoltre un ulteriore contributo, a carico del bilancio comunale. Sarà possibile partecipare alla raccolta fondi aperta dall’amministrazione soragnese anche presso il circolo Arci Sutarco di Soragna, dove sarà possibile devolvere le offerte che successivamente saranno inserite nel conto corrente istituzionale. Alla decisione della giunta guidata dal sindaco Salvatore Iaconi Farina si sono unite, nelle ultime ore, quelle di varie realtà della cittadina della Bassa, profondamente scossa da quanto accaduto domenica a Coltaro: oltre alla raccolta avviata dal Soragna Calcio - le cui offerte potranno essere raccolte presso il negozio Barberia Faroldi di via Cavour - anche i dipendenti della nota azienda soragnese Fabbrica Sartoriale Italiana hanno aperto una colletta interna a sostegno delle famiglie Sabbar e Seck. Di pari passo con la grande macchina della solidarietà, non si spegne l’onda emotiva di commozione per la scomparsa dei due diciassettenni: dopo le testimonianze degli amici e compagni di classe di Zakaria Sabbar, sono arrivate ieri le parole di Alessandro Ghillani, coordinatore della classe seconda dell’istituto Forma Futuro di Fidenza, la scuola frequentata da Mor Talla Seck. Il giovane senegalese studiava da operatore meccanico, insieme al fratello minore Boucounta: di Mor Talla, Ghillani ricorda «la crescita importante nella manualità e il suo grande impegno nell’imparare la lingua italiana, che lo ha aiutato nell’integrarsi ottimamente con il resto della classe». Del Mor Talla studente rimane in particolare un’immagine: sulla lavagna della classe Seck aveva disegnato una nuvoletta, e al suo interno il giovane senegalese aveva scritto «Impariamo». «Sapeva che questa scuola era e sarebbe stata importante per il suo futuro, e aveva una grande voglia di continuare a studiare e crescere». Non poteva sapere che tutti i suoi sogni sarebbero stati spezzati, in una maledetta domenica pomeriggio, dalle torbide acque del Po.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal