Sei in Archivio bozze

Footprint

Periferie, diversità e futuro: concorso per le scuole

23 luglio 2018, 07:00

Periferie, diversità e futuro: concorso per le scuole

Roberto Longoni

La prima «orma» è stata di rinoceronte, e l'hanno impressa in primavera nove gruppi universitari del corso di Ingegneria gestionale. Impegnati nel concorso numero zero lanciato da Footprint, sono stati loro a fare da apripista. Quasi doveroso che il tema fosse il progetto Rhinolab: in nome della tutela della diversità, qualunque essa sia, è nata l'associazione alla fine dello scorso anno, e quale simbolo vivente incarna questo valore meglio del raro unicorno della savana? Arduo scegliere i migliori tra i lavori presentati. «Tutti di altissimo livello» commenta il presidente Andrea Chiesi. Alla fine, l'hanno spuntata una story board e un'animazione dalle quali potrebbe nascere qualcosa per il grande pubblico. I presupposti ci sono tutti.

Ma intanto è la stessa Footprint a rivolgersi al «grande pubblico» in cammino verso il futuro, ossia alle migliaia di giovani della nostra provincia, con un concorso che coinvolgerà le scuole secondarie di tutta la provincia. Questa volta, si dovrà lavorare sulla diversità intrecciata alla nostra esistenza quotidiana.

LA PERIFERIA AL CENTRO

«Parma: quale città per il futuro? Dal recupero delle periferie la tutela e valorizzazione delle biodiversità, per una vita degna di essere vissuta». Il bando è questo: non si può certo parlare di tema ristretto, perché ogni luogo è periferia di un altrove. C'è da sbizzarrirsi, c'è da crescere, che poi è uno degli scopi principali per l'associazione non a caso discendente diretta del progetto Parma Incontra. «Imparare facendo resta uno dei nostri obiettivi» sottolinea il presidente. Un'esperienza, quella di Parma Incontra, che vide in cabina di regia lo stesso Chiesi, oltre a Carmelo Panico, segretario di Footprint, e al tesoriere Alberto Petroni: in questa nuova avventura con loro ci sono Azio Barani, Fabio Cola, Alvaro Gafaro Barrera e Fabio Ghirardi.

PRESENTAZIONE IN COMUNE

La presentazione ufficiale del concorso sarà l'11 settembre, nell'aula consiliare del municipio, alla presenza dell'assessore Michele Guerra e del professor Rinaldo Garziera del dipartimento di Ingegneria e Architettura. Comune e Ateneo hanno garantito il loro appoggio a Footprint. L'invito è alle 20 scuole del territorio (ognuna potrà partecipare con tre gruppi al massimo). I lavori dovranno essere consegnati entro la primavera del 2019. In palio, ci sono tre borse di studio per cinquemila euro in tutto: duemila al primo classificato, 1.500 al secondo e mille al terzo, con i 500 euro della menzione d'onore per l'audiovisivo con la miglior efficacia comunicativa. Assegni che andranno agli istituti vincitori per essere impiegati per la conoscenza della ricchezza delle diversità naturali e culturali di Parma e del suo territorio. In realtà, in palio c'è molto di più. «Il concorso - prosegue Chiesi - punta a stimolare la creatività degli studenti, la conoscenza delle nuove tecnologie, la capacità d'applicare principi di marketing. E, non ultima, l'attitudine a lavorare in gruppo».

OLTRE LA SCUOLA

Ed è proprio questo che faranno i ragazzi: collaboreranno, riuniti in «squadre» anche interclasse, individuando una o più criticità nel nostro territorio legata alla biodiversità (riprendendo in chiave locale quello che per l'Unesco è un grande tema dal 2010). «Quindi - prosegue Chiesi - dovranno proporre soluzioni per migliorare la qualità della vita delle persone in armonia con la natura e l'ambiente circostante, utilizzando video e/o tecnologie di publishing digitale e creando contenuti originali». Al loro fianco avranno i professionisti del racconto per immagini di Officina arti audiovisive del Comune. Ma solo dopo che agli studenti, e questo sarà il primo passo, Footprint avrà spiegato il tema in un seminario iniziale. In un secondo tempo, entreranno in scena i professionisti del Comune e dell'Università, a insegnare ai ragazzi l'uso degli strumenti con i quali costruire i racconti. Infine, in aprile, la premiazione dei vincitori. Ma quel giorno sarà sopratutto una grande kermesse, con la visione di tutti gli elaborati. Ognuno orma di un cammino comune, nella diversità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal