Sei in Archivio bozze

MONTICELLI

Addio al «gigante buono» Roberto Palombari: aveva 45 anni

di Nicoletta Fogolla -

28 luglio 2018, 07:00

Addio al «gigante buono» Roberto Palombari: aveva 45 anni

Un «gigante» buono, che amava molto la sua famiglia e il suo lavoro. Così veniva chiamato affettuosamente dagli amici Roberto Palombari di Monticelli Terme, visti i «suoi» quasi due metri d’altezza e la bontà d’animo. L’uomo si è spento nei giorni scorsi, a soli 45 anni, compiuti il 30 giugno, all’Ospedale Maggiore di Parma, dov’era ricoverato da circa una quindicina di giorni. Le sue condizioni di salute si erano aggravate ultimamente, a causa di una malattia riscontrata appena qualche mese fa. Roberto viveva, da sempre, a Monticelli Terme, paese in cui vive ancora sua madre. Mentre la sorella abita nel reggiano. Nel paese termale era rimasto anche dopo il matrimonio con Giorgia Oppici, celebrato 14 anni fa. La coppia, insieme alle figlie Asia di 12 anni e Camilla di cinque, abitava in via Toscanini, in una bifamiliare, in cui vivono i genitori di Giorgia.
«Mio marito – afferma Giorgia, educatrice al Nido Bollicine di Monticelli Terme – appena aveva un po’ di tempo libero, lo trascorreva con me e le nostre due figlie, a cui era legatissimo. Era molto affezionato anche ai suoi amici di una vita intera, che vorrei ringraziare per il fatto di non averlo mai abbandonato e di essergli stati così vicini, soprattutto nell’ultimo difficile periodo». Roberto aveva preso il diploma di metalmeccanico alla scuola professionale Enaip di Parma. Dopo una parentesi professionale in una ditta del quartiere Spip, dal 2001 lavorava come operaio nella ditta Pio Pellacini srl, che si trova nel quartiere artigianale Il Monte, in località Piazza di Basilicanova e produce ricambi per macchine movimento terra.
«Per Roberto – prosegue la moglie – l’ambiente di lavoro era la sua seconda famiglia: a partire dal titolare e fino ad arrivare ai suoi colleghi. Posso dire che aveva un carattere molto forte e combattivo ed era davvero molto buono». Il 45enne scomparso era appassionato di tecnologia. Amava la pesca, la musica dello storico Gruppo I Nomadi e gli piaceva cucinare, soprattutto la pizza e le torte che, spesso, preparava in occasione delle cene con gli amici. «Mio genero – spiega la suocera Lucetta Mora – era una persona davvero tanto buona e dolce, seppur riservata. Ascoltava molto gli altri prima di parlare. Era un gran lavoratore e sapeva fare di tutto».
I funerali di Roberto Palombari si svolgeranno oggi, alle 10.30, partendo dalla Sala del commiato di via Spadolini a Monticelli Terme, per la vicina chiesa di Gesù Salvatore.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal