Sei in Archivio bozze

MASSA

Tragedia in mare, muore Fabio Giarelli

30 luglio 2018, 07:03

Tragedia in mare, muore Fabio Giarelli

MARINA DI MASSA E' morto a Marina di Massa, nella località balneare che tanto amava. Un malore è risultato fatale a Fabio Giarelli, gigante buono di San Vitale Baganza, che stava trascorrendo un breve periodo di vacanza in una struttura riabilitativa del Don Gnocchi. Aveva 52 anni.

A Marina di Massa andava di frequente: era lì che, grazie ad una particolare piattaforma che degradava verso il mare era riuscito anche a nuotare. Nell'acqua si sentiva leggero e l'handicap che lo teneva bloccato su una carrozzina si faceva sentire meno.

Ieri pomeriggio, per circostanze ancora in corso di accertamento, l'uomo è sceso in acqua attorno alle 16 per ristorarsi in una giornata eccezionalmente calda.

All'improvviso il dramma.

Le persone che erano nelle sue vicinanze l'hanno notato galleggiare in modo anomalo nell'acqua ed è stato dato immediatamente l'allarme. Dal momento in cui era entrato in acqua non era trascorsa che una manciata di minuti. Per questo la prima ipotesi che si è fatta avanti è che Giarelli sia stato vittima di una congestione.

Il bagnino e i responsabili della struttura riabilitativa del Don Gnocchi si sono premurati di trascinarlo fino a riva. In quel momento, sulla spiaggia si trovava un medico che è prontamente intervenuto e ha iniziato a praticare il massaggio cardiaco. Purtroppo le condizioni di Giarelli non sono migliorate.

E' subito arrivata un'ambulanza della struttura riabilitativa del Don Gnocchi, mentre da Massa è giunta l'automedica del 118. L'uomo ha ricevuto alcuni trattamenti sul posto, quindi è stato accompagnato a sirene spiegate all'Ospedale Apuane, il presidio di riferimento provinciale di Massa e Carrara. Al pronto soccorso è giunto in codice rosso. Il decesso è purtroppo sopravvenuto poco dopo il suo arrivo.

Nel frattempo, sul luogo dell'accaduto è intervenuta anche una pattuglia della Capitaneria di Porto di Marina di Carrara. Il compito dei militari sarà quello di accertare la dinamica dell'incidente ed eventuali responsabilità.

La notizia dell'improvvisa e tragica morte di Fabio ha iniziato a diffondersi in fretta.

Giarelli, nato a Cremona il 18 agosto del 1965, era molto conosciuto a San Vitale Baganza, dove viveva da tantissimi anni con l'anziana mamma, ma anche a Parma.

Dipendente dell'Azienda sanitaria locale, era un tifosissimo del Parma e seguiva regolarmente le partite della squadra crociata. Si era anche attivamente impegnato affinché per le persone disabili fossero individuate sistemazioni che consentissero loro di assistere alla partita anche in caso di pioggia.

Si dedicava attivamente alla poesia, alla lettura e alla scrittura. Era molto attivo anche sui social. Su Facebook una pagina ha seguito regolarmente la sua vita e il suo impegno. Ed è stata proprio la «sua» Giarro's Page a dare ieri l'annuncio della tragedia avvenuta nello specchio di mare antistante Marina di Massa.

«Vorrei che la Giarro's Page diventasse un punto di incontro e di scambio di idee su varie tematiche: poesia, disabilità, sport, cronaca, etc» aveva scritto Giarelli presentando la sua iniziativa e alla pagina affidava regolarmente le sue considerazioni, condividendole con gli amici e le numerosissime persone che seguivano la «Giarro's».

Giarelli aveva cominciato a scrivere nel 1996. La sua prima opera è stata un libro di narrativa dal titolo «Altalenando». Fabio ha avuto modo di partecipare ai concorsi più importanti della provincia di Parma fra cui il Violetta di Soragna e il Padus Amoenus di Sissa. r.c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal