Sei in Archivio bozze

Salso

Volontaria della Pubblica, salva una donna a Rimini

30 luglio 2018, 07:00

Volontaria della Pubblica, salva una donna a Rimini

Con un gesto non comune di generosità, una volontaria dell'Assistenza Pubblica in vacanza ha soccorso un’anziana caduta rovinosamente a terra che aveva riportato un trauma cranico e la frattura del setto nasale.

L’episodio è accaduto nei giorni scorsi a Miramare, nei pressi di Rimini, e ha visto protagonista la salsese Lorena Ghezzi, da tre anni volontaria dell’Assistenza pubblica della città termale e soccorritore del 118.

E’ lei stessa a raccontare quanto accaduto.

«Era circa mezzogiorno e stavo rientrando in albergo quando ho notato un capannello di gente che creava confusione attorno ad una signora che poco prima era caduta rovinosamente a terra – afferma Lorenza Ghezzi –. Tra le persone c’erano anche il figlio ed il marito della donna: il secondo, preso letteralmente dal panico, voleva a tutti i costi rimetterla in piedi, cosa che avrebbe potuto aggravare le condizioni di salute della moglie».

«A quel punto - racconta la volontaria - ho cercato di tranquillizzarlo chiedendo poi a qualcuno dei presenti, visto che non l’avevano ancora fatto, di chiamare i soccorsi. Ho poi chiesto che venissero portati un ombrello, per riparare l’anziana dal sole battente, ghiaccio, acqua e fazzoletti: la donna perdeva copiosamente sangue dal naso, mentre il trauma cranico le aveva causato un vistoso ematoma con un rigonfiamento che si allargava a vista d’occhio».

«Ho cercato di tranquillizzare l’anziana - prosegue il racconto della soccorritrice - che si era procurata altre ferite fortunatamente non profonde, facendola parlare e chiedendole se si fosse sentita male e se le facesse male qualche altra parte del corpo e la sua risposta è stata negativa. Nel contempo le ho tamponato la perdita di sangue dal naso e dalla testa, le ho pulito gli occhi coperti di sangue ed abbiamo aspettato l’arrivo dei soccorritori. Questi ultimi, dopo aver prestato a loro volta le cure del caso, prima del trasporto all’ospedale dell’anziana mi hanno ringraziato e si sono complimentati dicendomi “ha fatto praticamente tutto lei, noi dobbiamo solo effettuare il trasporto all’ospedale”».

«Tuttavia – si schermisce Lorena Ghezzi – non penso di aver fatto nulla di eccezionale. Devo ringraziare l’Assistenza pubblica per avermi dato l’opportunità in questi anni di imparare molto sul primo soccorso, interventi che ho cercato di mettere in pratica l’altro giorno. Con la donna, ospite dell’albergo vicino al mio, ci siamo poi riviste l’indomani e lei, ringraziandomi e salutandomi, mi ha detto “sei il mio angelo”. Ecco, in quel momento ci siamo commosse» conclude la salsese. M.L.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal