Sei in Archivio bozze

Fidenza

Due falsi tecnici del gas tentano la truffa

02 agosto 2018, 07:01

Due falsi tecnici del gas tentano la truffa

Ladri di auto e truffatori scatenati in città.

Amara sorpresa per un fidentino: non ha più trovato la sua macchina, una Golf, che aveva lasciato nel cortile, parcheggiata come sempre davanti al luogo di lavoro.

Al termine della giornata, quando ha fatto per andare a riprenderla si è accorto che la macchina non c’era più e non gli è rimasto che denunciare il furto ai carabinieri.

Nessuno si è accorto di nulla e il ladro (ma non è detto che abbia agito da solo) molto probabilmente si era premurato di controllare i movimenti del proprietario, aspettando il momento più adatto per entrare in azione, al riparo da sguardi «indiscreti».

Purtroppo nemmeno i truffatori sono andati in ferie, anzi: proprio in questo periodo appaiono più scatenati che mai, sempre a caccia di potenziali vittime da «abbindolare» e ripulire.

Per fortuna nessuno di quelli contattati da questi personaggi senza scrupoli pare abbia abboccato. In questi giorni, in quartieri diversi, sono piovute tante segnalazioni su una coppia assai ambigua che imperversa tra case e condomini. Tuta blu e cartellino al petto, suonavano alla porta sempre con la stessa litania: «Dobbiamo controllare i contatori del gas, per verificare eventuali perdite».

Una pensionata si è affacciata e ha visto quei due tizi: insistevano, volevano a tutti i costi entrare in casa. Ma lei, con una notevole prontezza di riflessi, ha risposto per le rime: «Non ho ricevuto nessun avviso. Volete che apra? Prima faccio una telefonata alla polizia municipale o in Comune».

Parole magiche che hanno fatto dileguare i due falsi addetti del gas in pochi istanti. Non scomparsi del tutto, però: hanno solo cambiato zona, cominciando a battere altri quartieri della città, Ma anche lì hanno fatto flop: nessuno ha abboccato.

Il modus operandi è risaputo: mentre si finge impegnato a controllare il contatore, il complice va in perlustrazione nelle stanze, alla ricerca di soldi e oro. Ma di recente ci sono stati anche «colleghi» che spacciandosi addirittura per carabinieri della compagnia di Fidenza, hanno tentato di mettere a segno truffe a Parma e in provincia.

Il sindaco Andrea Massari, ha postato sui social un appello, per mettere in guardia i suoi concittadini da questi individui, con un pensiero riconoscente per tutti coloro che hanno fornito preziose segnalazioni. «Vorrei ringraziare tutti i fidentini, tantissimi, che sempre più collaborano, segnalando al Comune (scrivendo agli amministratori, chiamando la municipale e altro) i tentativi di truffa che alcuni farabutti provano a mettere in opera. Non mi stancherò di dirlo: col passaparola siamo in grado di mandare gambe all’aria i piani di questa gente. Avanti così a Fidenza». r.c.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal