Sei in Archivio bozze

municipale

Parma, recuperati 36 veicoli rubati in sei mesi

03 agosto 2018, 21:49

Parma, recuperati 36 veicoli rubati in sei mesi

Solo nel corso del 2017 la Polizia Municipale di Parma ha ritrovato e contestualmente reso agli aventi diritto ben 102 fra autovetture,  autocarri ciclomotori e velocipedi per un valore stimato approssimativo di alcune centinaia di migliaia di euro. Il trend per il 2018 è in decremento con il rinvenimento di 36 veicoli rubati nei primi sei mesi dell’anno.
Nell’ambito dell’attività di presidio della città, la Polizia Municipale svolge anche attività di polizia giudiziaria finalizzata al recupero di veicoli oggetto di furto. Tale attività trova contezza, sia in seguito al controllo di mezzi in movimento e, in tale circostanza viene deferito alla locale Autorità Giudiziaria il conducente per l’ipotesi di ricettazione oppure, per  stessa ammissione del conducente, di furto, sia in seguito al controllo delle zone di parcheggio ove le auto in sosta, senza persone a bordo, per alcune caratteristiche vengono riconosciute come rubate. Non appare trascurabile indicare, tra l‘altro, il significativo contributo delle segnalazioni pervenute da cittadini insospettiti dalla presenza duratura e immotivata di veicoli presumibilmente abbandonati. In questa circostanza un ringraziamento particolare per la collaborazione profusa è indirizzato ai cittadini riuniti nei Gruppi di  Controlli di Vicinato. Per altro, occorre rilevare come, molte volte, il recupero del bene avvenga in termini così tempestivi tali che il legittimo proprietario ancora non conosce, perché assente per lavoro o ferie dal luogo di residenza,  dell’avvenuto furto. “Ancora un ottimo lavoro della Polizia Municipale – commenta l’Assessore alla Sicurezza Cristiano Casa - che molto spesso lavora in modo silente senza salire agli onori della cronaca. Un ringraziamento particolare al contributo fondamentale fornito dai cittadini ed ai Gruppi di Controllo di Vicinato che riconoscono nella Polizia Municipale un punto di riferimento istituzionale.”