Sei in Archivio bozze

FIDENZA

Addio al «Pacio», una grande passione per il ciclismo

05 agosto 2018, 07:00

Addio al «Pacio», una grande passione per il ciclismo

L’alpino «Pacio» è andato avanti. A 67 anni è scomparso Benvenuto Corradi, che tutti in città chiamavano il «Pacio». Praticamente nessuno lo conosceva col vero nome, Benvenuto.

A strapparlo all’affetto dei suoi cari una crudele malattia, contro la quale ha combattuto proprio come un alpino, forte e coraggioso, ma che non gli ha lasciato scampo. Celibe, viveva con una delle sorelle, Daniela.

Originario di Castione Marchesi, da tanti anni abitava in città, dove ha lavorato per quarant’anni alla stazione ferroviaria, prima come porta-bagagli e poi come addetto alle pulizie. Ad attendere i pendolari che ogni giorno, prendevano il treno c’era la figura rassicurante e gentile del Pacio, che scambiava parole cordiali con tutti.

Era impossibile non incontrare ogni giorno alla stazione il facchino Corradi, diventato una sorta di istituzione. E la sua scomparsa ha rattristato tanti borghigiani che hanno ricordato il «Pacio», l’alpino buono e gentile.

Infatti era un alpino che partecipava attivamente alla varie manifestazioni (prestò giuramento a L’Aquila e poi fu di stanza a Tolmezzo, dopodiché non si è mai perso un’adunata annuale) e non era difficile incontrarlo per le strade della città con in testa il suo inseparabile cappello con la penna.

Ma Corradi era anche un grande appassionato di ciclismo sin dai tempi della storica società borghigiana dei Cicli Aimi. Per non parlare della sua passione sfrenata per la Juventus, di cui seguiva ogni partita, conoscendo tutto della sua squadra del cuore.

Il «Pacio», altruista e attento agli altri, era stato anche un generoso donatore di sangue della locale sezione Avis. Era sempre in prima fila, accorrendo puntualmente per aiutare chi aveva bisogno. Un fidentino che lasciato un ricordo positivo in chi l’ha conosciuto e gli ha voluto bene.

Ha lasciato le sorelle Daniela con Azzurra, Ryan e Marco, Germana con Giancarlo, Sabrina, Monica e Marco, zie, nipoti, cugini e parenti.

Il rosario sarà recitato questa sera alle 20,30 nella chiesa parrocchiale di San Francesco dei frati cappuccini.

Il funerale verrà celebrato domani pomeriggio alle 16,30 nella stessa chiesa di San Francesco, provenendo dall’ospedale di Vaio. Dopo la cerimonia funebre le spoglie verranno tumulate nel cimitero di Castione Marchesi.

s.l.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal